Sorci: i medici non devono denunciare i clandestini

roberto sorci 2' di lettura 19/03/2009 - “Ho sempre pensato che prima di tutto venga l’uomo con tutte le sue problematiche. Poi, è chiaro, che in molte circostanze bisogna assumere posizioni ed atteggiamenti di chiusura per evitare che nascano situazioni gravi o pericolose. Ma per quanto riguarda l’uomo e la sua salute non ci devono essere dubbi perché siamo tutti uguali”.

Prende posizione il sindaco di Fabriano, Roberto Sorci, a proposito delle recenti normative riguardanti le segnalazioni da parte dei sanitari di quanti, clandestini, si presentano ad una struttura per ricevere assistenza.



“La norma che stabilisce la denuncia del clandestino all’autorità giudiziaria da parte del medico – sottolinea Sorci – è non solo sbagliata sul piano etico ma anche sotto il profilo pratico. Come si fa a non capire che, così facendo, il clandestino anziché farsi curare in modo ufficiale e quindi con tutte le garanzie del caso per lui e per gli altri ricorrerà ad altre possibilità o, peggio, ancora non si curerà? Come si fa a non capire che così facendo anziché ottenere la schedatura di quanti vivono illegalmente in Italia si otterrà il risultato opposto di favorire ancor più le posizioni illegali?



E’ per questo – aggiunge – che essendo io, per legge, in quanto sindaco la massima autorità sanitaria, rivolgo un invito ai medici a non favorire condizioni capaci di determinare situazioni da pregiudicare la salute dei singoli cittadini e quindi dell’intera comunità. Qui non si tratta di essere blandi o tiepidi nei confronti dell’illegalità, tutt’altro. Qui si tratta di essere dalla parte dei cittadini intesi come comunità che aspira alla massima copertura sanitaria come peraltro il nostro paese è da sempre, su questo fronte, impegnato. Inoltre aggiungo che come presidente della conferenza dei sindaci del nostro territorio mi farò parte diligente nei confronti dei colleghi di Sassoferrato, Genga, Cerreto d’Esi e Serra S. Quirico affinché anch’essi assumano atteggiamenti analoghi il cui unico obiettivo e quello di non creare evidenti “disparità di umanità”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2009 alle 11:05 sul giornale del 19 marzo 2009 - 1017 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, Comune di Fabriano, roberto sorci





logoEV