Il Comitato in Difesa della Scuola Pubblica parla sui tagli al personale

scuola 18/06/2009 - Mercoledì 10 giugno la scuola (tranne la scuola dell\'infanzia) in provincia di Ancona è finita così come è iniziata: con un grande volantinaggio al termine delle lezioni per sensibilizzare tutte le famiglie sulle conseguenze dei pesanti tagli, oltre 400 posti tra personale docente e ATA, previsti per il prossimo anno scolastico.

I comitati di Ancona, Fabriano, Falconara, Jesi e Senigallia, assieme a tutti i sindacati, FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e COBAS hanno distribuito ai genitori delle scuole primarie e secondarie di primo grado, il volantino per pubblicizzare l\'iniziativa che si svolgerà ad Ancona a p.zza Roma il 25 giugno dalle ore 18,00.


La manifestazione intitolata Scuole \"tagliate\" in mostra cercherà di rappresentare concretamente quanta offerta formativa, quali attività, laboratori, ore di lezione, efficienza amministrativa, sorveglianza, sicurezza non potranno assicurare le scuole a seguito dei tagli. Le scuole, occupate in questi giorni a ridefinire il POF (Piano dell\'Offerta Formativa) sulla base dell\'organico assegnato, sintetizzeranno la propria situazione e le proprie difficoltà a settembre, attraverso dei cartelloni che saranno esposti in piazza il 25 giugno.


L\'obiettivo è di mettere in guardia la cittadinanza e gli organi di governo locale sulla privatizzazione strisciante che in questo modo vuole raggiungere il governo attraverso questo impoverimento progressivo della scuola pubblica.


La richiesta per l\'immediato è di annullare i tagli, di non operare i 5000 previsti in organico di fatto e di tornare indietro rispetto a quelli previsti nei prossimi due anni. Se infatti già con queste decurtazioni tanta offerta formativa sarà sacrificata, come riusciranno le scuole a garantire in futuro una scuola di qualità e per tutti?


Ad Ancona, e nel resto d\'Italia, diciamo tutti assieme un forte NO contro i tagli e chiediamo la garanzia di un sistema di istruzione pubblico e statale unitario nella convinzione che sia la condizione irrinunciabile per il superamento della crisi e un futuro migliore per le persone e per il paese.


Invitiamo perciò tutti coloro che hanno a cuore il futuro dei propri figli, che hanno finora appoggiato le nostre battaglie in difesa e a sostegno della scuola pubblica, che non vogliono la scuola privatizzata e impoverita di risorse, a manifestare con noi e a partecipare a questa bella iniziativa.


da Comitato a Difesa della Scuola Pubblica
Ancona



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2009 alle 18:45 sul giornale del 18 giugno 2009 - 859 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, falconara, jesi, senigallia, fabriano, Comitato a Difesa della Scuola Pubblica di Ancona


dopo la relazione dell\'OCSE avete ancora il coraggio di parlare?<br />
<br />
ma vergognatevi!

La relazione OCSE dice cose un pò diverse da quelle passate dai nostri efficenti telegiornali...<br />
informati un pò di più..