Il Sindaco Sorci sui manifesti del PDL

Roberto Sorci 2' di lettura 18/01/2010 - In relazione ai maxi-manifesti fatti affiggere in questi giorni dal Popolo della Libertà, il sindaco Roberto Sorci dichiara quanto segue.


“Nella cosiddetta lotta politica sono ammesse anche esagerazioni. E’ un modo di fare che non condivido la lo capisco.

Le falsità, invece, non le accetto perché significa non avere rispetto delle persone, dei cittadini.

In sostanza non mi preoccupo, sul piano personale, che il gruppo del PDL scriva sui manifesti che la la nuova sede comunale stia crollando.

Mi preoccupo dei cittadini e del procurato allarme soprattutto in un momento in cui si avvertono, periodicamente scosse telluriche. Si tratta senza alcun dubbio di un comportamento demenziale.

Che alla nuova sede comunale della ex-Allegretto qualcosa non abbia funzionato è fuori di dubbio.

Noi non appena abbiamo visto alcune cornici di polistirolo staccarsi e qualche coppo cadere a terra abbiamo immediatamente contattatto la dirigenza della SAVA che ha realizzato l’intero complesso.

Lo stesso titolare della ditta l’ing. Lorenzo Sava, pur bloccato a casa per un recente incidente, ci ha manifestato il suo dispiacere nonché l’impegno a ripristinare immediatamente ciò che si era staccato.

Ripeto staccato e non crollato: ma l’ignoranza è regina e purtroppo chi ha fatto il manifesto non ha neanche consultato il dizionario! Fare affermazioni di questo genere è del tutto fuori luogo e si crea un allarme che non esiste.

L’inconveniente – ci ha detto lo stesso titolare della SAVA che si è tenuto in contatto con il dirigente del settore comunale Assetto del Territorio, arch. Roberto Evangelisti – è stato con tutta probabilità determinato dalla imperfetta impermeabilizzazione di alcune cornici di polistirolo.

Il gelo ed i repentini cambi di temperatura ed il vento hanno fatto il resto come è avvenuto in molte abitazioni con distacco di cornicioni e persiane. Io stesso ho accompagnato i vigili del fuoco nella sede di un istituto di credito dove si erano staccate persiane..

Alla ditta austriaca fornitrice delle cornici sono già stati ordinati i materiali occorrenti per il ripristino.

Noi committenti quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto e da parte della ditta SAVA abbiamo trovato corrispondenza con assunzione diretta della responsabilità per quanto accaduto.

Nei prossimi giorni il problema sarà stato risolto mentre, purtroppo, resterà non tanto la lotta politica di cui parlavo all’inizio ma lo sconcerto per il modo con cui viene portata avanti ricorrendo a gratuite falsità che non fanno di certo onore a chi li propaganda.

In conclusione domando: anziché spendere cifre importanti per dichiarare falsità non sarebbe stato meglio che i dirigenti del PDL avessero devoluto il costo dell’operazione al fondo di solidarietà comunale?”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-01-2010 alle 22:42 sul giornale del 19 gennaio 2010 - 1665 letture

In questo articolo si parla di politica, fabriano, Comune di Fabriano





logoEV