Unità cinofile in azione alle fermate dei bus: 400 controlli e un arresto

carabinieri fano 1' di lettura 05/05/2010 - I carabinieri della Compagnia di Fabriano continuano la loro lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio. I controlli dei giorni scorsi sono stati condotti grazie all’ausilio dell’unità cinofila nei parchi e alle fermate degli autobus. Oltre 400 i ragazzi fermati e uno arrestato.

Per tutta la giornata di martedì il cane antidroga Uki condotto dall’appuntato Graziano Sallei del Nucleo Cinofili del Comando Regione Carabinieri Marche ha perlustrato la città di Fabriano. In collaborazione con i militari della Compagnia - coordinati dal capitano Benedetto Iurlaro - l’unità cinofila ha messo in atto un massiccio servizio di prevenzione contro il traffico di stupefacenti nei luoghi particolarmente frequentati dai giovani del fabrianese. In piazzale Matteotti sono stati controllati circa 400 ragazzi appena scesi dagli autobus, controlli che si sono rivelati negativi. Sono stati anche attuati dei posti di controllo nel corso dei quali sono state fermate numerose autovetture e identificati i conducenti. Controlli anche ai giardini di Santa Margherita. A finire in manette è stato un giovane tunisino evaso dagli arresti domiciliari, che è stato rintracciato dai carabinieri mentre se ne andava in giro per la città con alcuni connazionali. Arrestato, è stato rinchiuso al carcere di Montacuto di Ancona. Processato per direttissima, ha patteggiato sei mesi di reclusione. Resta in carcere dove sconterà la pena inflitta dal giudice. I controlli dei militari della Compagnia di Fabriano coadiuvati dalle unità cinofile del Comando regionale, continueranno nei prossimi giorni.





Questo è un articolo pubblicato il 05-05-2010 alle 23:17 sul giornale del 06 maggio 2010 - 977 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri





logoEV