'In fine…vivere', riflessione su etica e moralità al termine dell’esistenza

sanità 2' di lettura 18/05/2010 - Promuovere la necessità di migliorare la qualità di vita dei malati, diffondendo la conoscenza delle cure palliative che hanno come obiettivo fondamentale quello di coniugare le più moderne conoscenze mediche per il controllo del dolore e dei sintomi alla necessaria attenzione ai problemi psicologici, sociali e spirituali del malato: appuntamento rivolto a medici, psicologi, infermieri, Oss, ed aperto anche alla cittadinanza lunedì prossimo, 24 maggio, a partire dalle ore 9.00 per l’intera giornata, presso l’Oratorio della Carità (Via C.Battisti, 31 - Fabriano).


L’incontro, organizzato in collaborazione tra la Zona Territoriale 6, l’Hospice, l’Associazione Oncologica Fabrianese, la Fom (Federazione Oncologica Marchigiana) con il patrocinio del Comune di Fabriano, affronterà diversi aspetti della malattia e della sofferenza e avrà come relatore Don Sergio Messina.

L’équipe che opera all’interno dell’Hospice è multiprofessionale ed applica un modello di intervento multidimensionale, finalizzato a individuare le problematiche sanitarie, socio-assistenziali, psicologiche, relazionali, affettive e spirituali del paziente: tale modello comporta il passaggio dalla “cura della malattia” (to cure) al “prendersi cura del malato” (to take care), privilegiando il rapporto con la persona.

L’incontro di lunedì prossimo vuole definire e realizzare un programma di cure palliative personalizzato e orientato a migliorare la qualità della vita attraverso una risposta globale che comprenda concetti come la sofferenza e il morire all’interno di un ciclo di vita.

Obiettivi specifici dell’appuntamento sono: approfondire il significato del concetto di sofferenza; accompagnare, preparare e supportare il lutto dei familiari considerandone i meccanismi di reazione; rinnovare la pratica medica in termini umanistici.

Dopo il saluto del Presidente dell’Associazione Oncologica Fabrianese, Dott. Giorgio Saitta e la presentazione del corso a cura del Dott. Luciano Giuliodori, si susseguiranno le varie sessioni. Nel pomeriggio sono previste proiezioni di segmenti di film sulla situazione di terminalità e la discussione di casi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2010 alle 17:42 sul giornale del 19 maggio 2010 - 759 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, fabriano





logoEV