Wwf: 'Sorvoli a bassa quota dell'elicottero del 118 nella Gola di Frasassi'

Wwf 2' di lettura 17/08/2011 -

Nonostante le nostre numerose segnalazioni di sorvolo a bassa quota nella Gola di Frasassi e nelle zone limitrofe a Vallemontagnana di Fabriano avvenute negli ultimi mesi, l’elicottero giallo del 118 continua a volare a bassa quota nelle suddette aree, portando questo anno anche al fallimento della riproduzione dell’unica coppia di Aquila reale, presente nella Provincia di Ancona, verificato da una tesista dell’Università di Camerino, che ha svolto la sua tesi di laurea sulla biologia riproduttiva dell’Aquila reale della Gola di Frasassi.



Proprio l’ultimo sorvolo è avvenuto 11 agosto 2011 alle 14.40 nella Gola di Frasassi e sopra le voliere dell’Oasi WWF Bosco Frasassi, ha creato notevole disturbo anche ai giovani nibbi reali, posti nelle voliere di acclimatamento, pronti per essere liberati e ha sospeso l’azione del progetto LIFE “Save the Flyers” fino a che tale disturbo non verrà eliminato. Questo ennesimo episodio, avvenuto proprio nel periodo più delicato dell’anno della biologia riproduttiva dell’Aquila reale (Aquila chrysaetos), che va da febbraio ad agosto, e di altri uccelli rapaci rupicoli e anche nell’area, dove è presente un punto di alimentazione e acclimatamento dei nibbi reali all’interno dell’Oasi WWF Bosco Frasassi potrebbe pregiudicare sia la riproduzione di rari e preziosi uccelli rapaci, tutelati dalle normative comunitarie e nazionali che il progetto LIFE “Save the Flyers”, che ha come una delle azioni base il restocking del Nibbio reale (Milvus milvus).

Oltretutto la rotta di volo tra Ancona e Fabriano più breve non passa sicuramente nella Gola di Frasassi e ci chiediamo perché si continua a sorvolare a bassa quota la Gola di Frasassi. Si ricorda che la legge n.394/91 vieta il sorvolo all’interno delle aree protette e inoltre anche il regolamento del Parco Regionale Gola della Rossa e di Frasassi vieta il sorvolo a bassa quota all’interno del parco. Si chiede immediatamente di porre fine al disturbo antropico, pressochè giornaliero, arrecato da tale elicottero a queste rare preziose specie di uccelli rapaci, tutelati dalle normative italiane e comunitarie, non volando più a bassa quota nella gola di frasassi e nell’Oasi WWF Bosco Frasassi e nelle praterie di Vallemontagnana, se non per circostanziate e documentate ragioni di emergenza, altrimenti interverremo attraverso il nostro ufficio legale per far rispettare tali normative italiane e comunitarie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-08-2011 alle 15:43 sul giornale del 18 agosto 2011 - 1668 letture

In questo articolo si parla di ambiente, wwf marche, wwf, 118, elicottero, frasassi, aquila, gola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ou0