Telefonini usati per progetti di cooperazione e sviluppo

cellulari telefonini 27/12/2011 -

Il Magis – Movimento e Azione dei Gesuiti Italiani per lo Sviluppo – lancia una campagna di raccolta di telefoni cellulari usati, anche non funzionanti, per convertirli in risorse per finanziare progetti di cooperazione internazionale.



Le case degli italiani sono piene di telefonini rotti o non più utlizzati, vecchi modelli sostituiti per far spazio ai nuovi. Da questi oggetti, se correttamente smaltiti, si ricavano diversi materiali preziosi, riutilizzabili in un gran numero di applicazioni. Rifiuti ancora utili quindi, per ridare speranza a chi ne ha poca.

Così nasce l'iniziativa del Magis, il cui ricavato servirà per finanziare il progetto di costruzione di cucine solari per le famiglie africane del Ciad: in tal modo si raccoglieranno meno cespugli e arbusti per accendere il fuoco, frenando la desertificazione in atto.

A Fabriano il punto di raccolta dei cellulari usati (esclusi gli eventuali accessori come caricabatterie o auricolari) è ubicato presso la Bottega del Commercio Equo e Solidale, in via Balbo, 50, subito dopo il cinema Montini. La Bottega è aperta dal martedì al sabato con orario 10.30-12.30 e 17.00-19.30.

Un piccolo gesto per una causa importante.


di Marco Vitaloni
marco@viverefabriano.it




Questo è un articolo pubblicato il 27-12-2011 alle 17:31 sul giornale del 28 dicembre 2011 - 675 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, cellulari, cooperazione internazionale, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/toB