'Face-Ogni volto una storia': scelti i protagonisti del nuovo musical di Don Rotili

don umberto rotili e paola paolucci 5' di lettura 17/09/2012 - L'avventura di Face, il nuovo musical della Pastorale Giovanile della Diocesi di Fabriano e Matelica, è ufficialmente iniziata: 100 ragazzi, dai 12 ai 40 anni, fabrianesi e non, hanno affollato il teatro della Misericordia domenica 16 e lunedì 17 settembre per il casting del musical ideato e diretto dal poliedrico e carismatico Don Umberto Rotili.

I provini hanno tenuto impegnata la giuria- composta da don Umberto Rotili, Catia Stazio, Tania Bugatti, Naida Bravi, Simona Di Leo, Roberta Fratini, M. Paola Paolucci, don Giovanni Mosciatti, Anna Nikolova , Patrizio Bartoletti e Martina Grossi- per due intere giornate. Alla fine i giurati hanno dovuto fare una selezione dura ed impegnativa per arrivare alla scelta dei 25 protagonisti e di tutte le altre figure fondamentali per il nuovo musical. E come per il musical, anche ai provini "ogni volto, una storia": tanti i ragazzi che si sono presentati, ognuno con una motivazione e una storia diversa dalle altre. Qualcuno giovanissimo con la voglia di vivere un'esperienza nuova, qualcuno invece con alle spalle già una maternità e con tanta voglia di rimettersi in gioco per "non avere rimpianti e per fare qualcosa per me". Tanti i talenti sul palcoscenico, conosciuti o ancora da scoprire, mascherati da un velo di timidezza o vivacizzati da solari individualità, consapevoli della loro forza o intimiditi dal giudizio.

Questi sono i ragazzi che hanno avuto la voglia, il coraggio, l'entusiasmo di salire sul palco e mettersi in gioco. "Ho trovato tantissimo e bellissimo "materiale umano", - commenta Don Umberto - che ci ha messo fortemente in imbarazzo nella scelta dei ruoli. Ma sono davvero estremamente soddisfatto: tutti quelli che si sono presentati al casting hanno dato vita a delle belle performance, studiate, preparate. Questo ci dimostra l'interesse suscitato nei ragazzi e la loro voglia di esserci!". "Li ho trovati tutti non solo preparati ma anche molto educati - aggiunge Catia Stazio" "e timidi, riservati, nel loro mostrarsi a noi - sottolinea Patrizio Bartoletti - ma con tanta grinta e voglia di fare". "Ho notato tanto impegno, tanta preparazione minuziosa, tanta emozione - commenta Paola Paolucci -. E questo è sorprendente". Davvero sorprendente vedere tutta questa energia sul palcoscenico e così tanta emozione dietro le quinte, nell'attesa di entrare. Una partecipazione così intensa, sentita ed emozionante che è sintomo che i ragazzi ci sono ed hanno voglia di farsi sentire. Prossimamente verranno svelati i protagonisti, ma questa è un'altra storia ....

Don Umberto Rotili racconta anche com'è nata l'idea del nuovo musical: “A pochi giorni di distanza dal debutto del musical "Dove sei?" in aprile, sono stato "folgorato" da un'idea che mi è balenata per la testa passeggiando per il giardino pubblico e guardando alcuni giovani che vivevano la loro vita con una grande normalità: che cosa penseranno e che cosa sogneranno? Come affrontano i loro problemi? Chi li aiuta? Questa domande mi hanno fatto frullare per la testa la voglia di scrivere un nuovo copione che parlasse stavolta di loro. Si, il nuovo copione parla dei giovani. Ma dei giovani si può parlare in tanti modi. Allora perché non dare voce al grido dei ragazzi che a volte si sentono soli e schiacciati dal peso dei problemi che si trovano ad affrontare? Perché non dare voce ai giovani che ce la mettono tutta per costruirsi un futuro e che cercano di sopravvivere nel mondo di oggi? Perché non dare voce ai giovani, con le loro paure, le ansie, le gioie, gli amori, la felicità, i sogni, la difficoltà, vissute nel quotidiano? Ecco come nasce "Face"... Questo musical parla dei giovani in tutte le loro sfaccettature, ma non parla solo ai giovani, bensì parla agli adulti che a volte ignorano le dinamiche del mondo giovanile. Parla a noi adulti, spingendoci a non chiudere gli occhi di fronte al grido di aiuto che viene dai ragazzi, ma spronandoci a fare qualcosa per loro. Qualcuno potrebbe riscontrare una vena polemica e forse è vero, sono un po' di parte in effetti... perché io credo davvero tanto nelle potenzialità dei giovani. Alcuni purtroppo fanno scelte sbagliate e rifiutano di farsi aiutare, altri magari confermano il pensiero degli adulti che i giovani sono inaffidabili e lamentosi, incapaci di rimboccarsi le maniche. Ma ce ne sono tanti, tantissimi, che hanno invece voglia di fare, di costruire, di spaccare il mondo se solo venisse data loro l'opportunità di farlo. Per questi giovani mi batto e in questi giovani io credo. Solo chi si chiude e rifiuta di mettersi in gioco ha già perso in partenza. Quest'anno il musical ha un valore aggiunto: metà delle musiche sono originali e composte da un ragazzo che lo scorso anno è entrato nel cast, quasi per caso. Giudicherete voi come saranno e se vi trasporteranno o meno nell'incanto del musical, ma vi assicuro che l'impegno messo nella composizione, già di per sé fa di questo spettacolo uno spettacolo unico e irripetibile, capace di commuovere, di far sognare, di far sorridere e persino ridere, tutti voi che, spero, verrete a vederci!”

I testi, le musiche e gli arrangiamenti del musical sono originali di Matteo Volpotti.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-09-2012 alle 20:21 sul giornale del 18 settembre 2012 - 2679 letture

In questo articolo si parla di cultura, fabriano, provini, don umberto rotili e paola paolucci, musical face, giuria provini, matteo volpotti, attesa per i provini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DV5





logoEV