Varata la nave sul monte

1' di lettura 10/03/2013 - Dopo tanti anni questo 'monumento alla curiosità' che suscita l’attenzione di tutti quelli che transitano nella zona Colleponi di Genga, più precisamente quella dirimpetto al Mulino della Niegola, ha acceso le macchine ed è salpata.

Le turbine di questo bastimento realizzato su una collina del nostro entroterra, che per diversi anni si è contraddistinto anche come ristorante tipico, sono state riaccese ed hanno riportato a largo il Vascello del poggio. La maestosa struttura che ha di sicuro più di trenta anni ed è stata costruita con minuzia di particolari da un gengarino che ha trasfuso la sua passione per le costa e i litorali (avendo militato nel corpo della Marina) è considerata davvero una rarità e al tempo stesso un’azzeccata bizzarria per il nostro paesaggio.

Non c’è turista o visitatore cui sfugge la visione del mini transatlantico posto sul colle e chi si è trovato a passare di li, proprio quando sono stati azionati i generatori, (come mostra la foto) deve aver provato un forte sussulto d’animo. Trasalimento che, spiego, è dovuto soltanto a un mio fortuito passaggio in questo luogo, nel momento in cui, probabilmente, il proprietario stava effettuando pulizie degli arbusti e della vegetazione circostante, da qui il fumo che per le correnti ascensionali del vento sembravano fuoriuscire dalla ciminiera. Da giornalista con la passione per la fotografia, non potevo lasciarmi sfuggire questo raro e forse unico scatto di circostanza, adeguatamente corredato da un pezzo di colore.






Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2013 alle 14:38 sul giornale del 11 marzo 2013 - 3099 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Gattucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Kqp





logoEV