Laboratorio Sociale Fabbri: 'Cosa può un'occupazione'

Laboratorio Sociale Fabbri 4' di lettura 09/12/2013 - A due mesi di distanza possiamo tirare un primo resoconto delle attività che hanno preso il via e di quelle che stanno prendendo piede presso il Laboratorio Sociale Fabbri.

Più volte abbiamo richiesto negli ultimi due anni all'attuale amministrazione comunale un posto nel quale svolgere attività per la cittadinanza, un luogo da ridare alla città in cui poter dare la possibilità alle persone di mettersi in gioco, di condividere i propri saperi e di metterli al servizio di una comunità che attraversa un forte periodo di crisi. Nonostante le nostre intenzioni abbiamo sempre ricevuto porte in faccia, mezze risposte e nessuna apertura da parte della giunta. Abbiamo tentato in ogni modo di percorrere vie legali che ci permettessero di ridare uno spazio sociale alla città con un nulla di fatto.

Il 5 ottobre entravamo nell'ex asilo del borgo, uno spazio lasciato al degrado da una gestione comunale inappropriata nel pieno centro storico di Fabriano. Da quel giorno abbiamo vissuto intensamente questo luogo, riqualificando la struttura e riempendolo di contenuti, eventi ed attività. In molti ci hanno subito dimostrato solidarietà; persone di ogni provenienza sociale consce del fatto che non si può lasciare a marcire un bene pubblico di questo tipo per via di un cavillo burocratico. E' quindi doveroso spiegare la situazione dell'immobile: il Comune lo ha dato in permuta nel 2007 alla società di costruzioni SAVA srl a fronte dei lavori per la realizzazione del nuovo asilo in via Ciampicali. Tuttavia la suddetta azienda si è sempre rifiutata di effettuare il passaggio di proprietà per ragioni economiche e non è intenzionata ad effettuarlo nel breve periodo. Dunque il bene resta tutt'ora in mano all'amministrazione comunale che di fatto non lo gestisce e lo ha lasciato nell'incuria più totale. Per questa ragione abbiamo ritenuto eticamente giusto occuparlo, rompendo quella linea che demarca il legale dall'illegale e che spesso è causa dei maggiori sprechi di soldi pubblici che possano esistere.

E' stato cercato in ogni modo di mediare con l'amministrazione comunale, in particolare con il sindaco, che tuttavia non ha mai ascoltato concretamente le nostre richieste ed ha intimato lo sgombero dell'immobile per ragioni igienico sanitarie ancora non ben comprese da nessuno. Nonostante la complessa situazione è stata forte la risposta della cittadinanza e sono innumerevoli le attività che oggi convivono all'interno del Laboratorio Sociale Fabbri e gli eventi che sono stati realizzati.

Abbiamo infatti aperto lo spazio alle associazioni cittadine con l'idea di dare gratuitamente una stanza a tutte quelle associazioni che per mancanza di fondi oggi non riescono ad avere una propria sede. Sono già cinque le associazioni che hanno "trovato casa al Fabbri" e saremo lieti di ospitarne di altre.

Grazie a questo coinvolgimento oggi convivono in pianta stabile i seguenti servizi:

Sportello di consulenza legale gratuito a cura di ROAD
Sportello di consulenza psicologica gratuito a cura di ROAD
Corso di inglese con insegnante madrelingua
Ripetizioni gratuite di ogni ordine e grado (matematica, fisica, chimica, italiano le più richieste)
Palestra popolare gratuita
Laboratorio di serigrafia e camera oscura

Sono inoltre in programma

Ecomercato di Natale per il 22 dicembre, in cui daremo la possibilità a produttori locali, hobbisti ed autoproduttori di portare la propria bancarella
Corso di ginnastica con introduzione alla ginnastica ritmica
Corso di chitarra con insegnante professionale
Corso di italiano ed educazione civica per stranieri, per falicitarne l'integrazione
Realizzazione di un laboratorio di falegnameria

A queste attività si vanno poi aggiungendo le attività di carattere culturale e politico che vengono gestite da appositi gruppi di lavoro e che prevedono un fitto calendario.

Stiamo inoltre raccogliendo firme per la nostra esperienza e chiunque volesse sostenerci può trovarci ogni sabato mattina inpiazza del Comune. Abbiamo già raggiunto le 600 firme e a breve le protocolleremo.

Il Laboratorio Sociale Fabbri vuole divenire una risorsa per la città, uno spazio che sia aperto ed in grado di creare aggregazione tra le persone sulla base di progetti concreti e funzionali, in un'ottica di un nuovo tipo di welfare, fatto dalle persone per le persone.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2013 alle 21:34 sul giornale del 12 dicembre 2013 - 1187 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, Laboratorio Sociale Fabbri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VLA





logoEV