Tenta di buttarsi dal ponte, salvato dalla polizia

polizia e volanti 1' di lettura 15/12/2013 - L’uomo stava per lanciarsi dal ponte di ‘mezzanotte’ e ha minacciato poi di tagliarsi la gola con un grosso coltello da cucina, alla vista degli agenti di polizia accorsi per bloccarlo. Ora, tratto in salvo, si trova ricoverato presso l’ospedale di Jesi.

E’ accaduto nel pomeriggio di sabato, quando, intorno alle 17, una telefonata allerta il Commissariato di Fabriano. Viene segnalato un uomo che, avendo scavalcato il muro di cinta del ponte di " mezzanotte" che passa sul torrente Giano in via S. Scala, è intento a lanciarsi nel vuoto. Gli agenti che intervengono trovano un 36enne, pluripregiudicato e tossicodipendente, nato a Bari e residente ad Ancona ma senza fissa dimora.

L’uomo, destinatario inoltre della misura di prevenzione della sorveglianza speciale, appena vede gli agenti estrae dal giubbotto un grosso coltello da cucina e minaccia di tagliarsi la gola. Alla base del folle gesto pare ci fosse l'assoluta contrarietà dell'uomo a sottoporsi ad un programma di riabilitazione deciso per lui dai sanitari di Ancona che lo tengono in cura.

I poliziotti sono riusciti infine a bloccarlo e l’intervento dei sanitari dell’ospedale di Fabriano ha reso possibile il ricovero coatto dell’uomo presso l’ospedale di Jesi.






Questo è un articolo pubblicato il 15-12-2013 alle 13:06 sul giornale del 16 dicembre 2013 - 1654 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, ancona, fabriano, tentato suicidio, vivere fabriano, volanti, Raffaela Cesaretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/V34





logoEV