M5S: presentata interpellanza su ridimensionamento dell’Officina Manutenzione Trenitalia

movimento 5 stelle fabriano 2' di lettura 20/12/2013 - Parliamo dell’Impianto di Manutenzione Treni Diesel TRENITALIA S.p.A. di Fabriano. Questa officina è stata sempre considerata strategica e punto nevralgico delle tratte ANCONA-ROMA con servizio FABRIANO-CIVITANOVA, FABRIANO-PERGOLA e FABRIANO-ANCONA-PORTO D’ASCOLI, che da sempre ha svolto diverse attività manutentive, dalle revisioni cicliche dei rotabili alle più sofisticate operazioni riguardanti gli organi più complessi delle locomotive diesel.

Negli ultimi anni questo importante polo manutentivo ha subito pesanti tagli a livello di unità lavorative in quanto l’azienda sta effettuando una politica di ridimensionamento spostando le più importanti lavorazioni verso le officine di Ancona.

Nel Luglio 2013 è entrata in funzione la nuova riorganizzazione aziendale, respinta a livello sindacale, nella quale risulta evidente la volontà di effettuare ulteriori tagli, mettendo in serio pericolo l’esistenza dell’officina stessa con spostamenti di operatori verso le officine di Foligno e Ancona, ridimensionando e riducendo anche le turnazioni lavorative che coprivano in maniera eccellente i disagi provocati dall'inefficienza dei treni, in condizioni meteo proibitive, monitorando costantemente i treni in arrivo e in partenza con personale esperto, suddiviso in squadre che garantivano riparazioni di manutenzione e di conseguenza l’efficienza, la sicurezza e il servizio dei treni stessi.

E’ forte la preoccupazione che queste decisioni mettano seriamente a rischio il servizio ferroviario locale per i cittadini, in quanto i treni subiscono soppressioni e ritardi a discapito dell’utenza anche pensando al periodo invernale dove per la riduzione dei rientri in officina è forte il rischio di malfunzionamenti e quindi di soppressione dei treni per gli impianti frenanti a causa del gelo.

In queste scelte, non da ultimo, c’è la situazione degli addetti degli appalti ferroviari delle pulizie, già in contratto di solidarietà, che con la riduzione delle ore di lavoro dell’impianto e delle unità lavorative Trenitalia, provocheranno esuberi e rischi di licenziamento con conseguente perdita del posto di lavoro, con l’aggravamento della situazione già drammatica del nostro comprensorio.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo presentato un'interpellanza urgente da discutere in Consiglio Comunale, alla prossima occasione, per verificare le possibili azioni da intraprendere.

Crediamo che la riqualificazione delle linee ferroviarie secondarie e dismesse sulle quali Trenitalia ha chiaramente fatto capire di non investire più, possano essere per le comunità locali una possibilità di rilancio turistico dei territori e di mobilità alternativa a quella su gomma, garantendo l'occupazione nell'ambito dei servizi ad esse collegate.






Questo è un articolo pubblicato il 20-12-2013 alle 14:12 sul giornale del 21 dicembre 2013 - 937 letture

In questo articolo si parla di politica, fabriano, Movimento 5 Stelle Fabriano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Wky





logoEV