Arcioni: 'Il Movimento 5 stelle da solo e coerente. I cittadini hanno capito'

Joselito Arcioni 4' di lettura 21/06/2016 - Quando domenica sera sono stati pubblicati i primi dati sui risultati delle amministrative credo che in molti, come me, hanno girato lo sguardo all’insù rivolgendo un pensiero a Gianroberto quell’uomo audace che vedeva il futuro prima degli altri e ci ha sempre creduto. Il risultato di domenica va dedicato a lui che ci ha insegnato ad usare l’immaginazione senza porci alcun limite.

Mi hanno chiesto di commentare i risultati che hanno visto il Movimento 5 Stelle premiato dai cittadini in 19 ballottaggi su 20, lo faccio dopo aver sentito le analisi del voto, nei vari salotti televisivi, da parte dei soliti commentatori del pensiero unico che Alessandro Di Battista ha magistralmente commentato:

“Hanno intercettato il voto di destra”, “incarnano la protesta”, “il populismo avanza ovunque quindi nessun grande risultato del M5S”. Ma ancora? Ma non siete stanchi di dire sempre le stesse cose? Ma è così difficile ammettere che abbiamo lavorato bene? E’ così difficile dire che abbiamo rispettato tutti i patti presi con i cittadini? Abbiamo restituito decine di milioni di € che per legge ci aspetterebbero e con questi soldi abbiamo sostenuto le imprese italiane, abbiamo costruito strade, abbiamo comprato defibrillatori e aiutato scuole alluvionate, abbiamo candidato solo incensurati, non abbiamo preso un € di finanziamento pubblico, stiamo sempre in piazza, senza scorta e senza alcun privilegio. Abbiamo proposto leggi utili per i cittadini come il reddito di cittadinanza, una vera legge anti-corruzione e l’abolizione di Equitalia. Per questo abbiamo vinto le elezioni. Semplice. Se ti comporti bene alla fine vieni premiato. Basterebbe avere un minimo di onestà intellettuale per ammetterlo. Ma in questo paese quella intellettuale è la più diffusa tra le forme di disonestà. Peccato ma tanto noi non ci fermiamo.

Le elezioni di domenica, come puntualmente sintetizzato sul sito nazionale, segnano una svolta epocale. E' il cambio di passo del MoVimento 5 Stelle, riconosciuto dai cittadini come una forza di governo affidabile e capace di esprimere candidati validi e competenti. Ci sono vincitori e vinti. Persone, idee e valori che hanno vinto e che hanno perso. Una cosa su tutte emerge dai dati: l'unica alternativa valida di governo, capace di vincere in maniera netta con un'unica voce e senza imbarcare la qualunque è il MoVimento 5 Stelle.

Chi ha vinto
Hanno vinto i cittadini che vogliono cambiare questo Paese a partire dalla priorità assoluta: un Reddito di Cittadinanza che restituisca dignità a 10 milioni di italiani.
Ha vinto il MoVimento 5 Stelle perchè si è presentato dappertutto come un'unica forza solida, compatta e coerente e nonostante una campagna denigratoria orchestrata dal Pd ed eseguita dai media.
Ha vinto chi è sempre stato coerente, si è tagliato lo stipendio e non ha abbandonato la carica per cui è stato eletto.
Hanno vinto candidati incensurati, competenti e non compromessi con il Sistema.
Ha vinto l'acqua pubblica e rifiuti zero.
Ha vinto la Rete che si è mobilitata per sostenere i candidati 5 Stelle, rilanciarne le proposte e disinnescare le balle di regime.
Hanno vinto le persone scese in piazza.
Hanno vinto gli attivisti 5 Stelle che hanno offerto il loro tempo e il loro lavoro.
Ha vinto chi si sostiene con piccole donazioni volontarie e rifiuta i finanziamenti pubblici.
Ha vinto un metodo che è quello di presentare le persone che crescono nel M5S e che possono vincere per le proposte che fanno, non per la loro popolarità pregressa.
Ha vinto una comunità che cresce ogni giorno di più e che ha un cuore pulsante che batte sempre più forte: Rousseau.
Hanno vinto le proposte concrete.

Chi ha perso
Hanno perso i partiti, le alleanze e le accozzaglie di liste civiche.
Ha perso chi si nasconde dietro l'etichetta "destra" o "sinistra" solo per mascherare il vuoto di valori, di idee e di proposte.
Hanno perso i media tradizionali di regime: le tv e i giornali. La macchina di propaganda piddina si è inceppata. Ormai avete perso qualsiasi credibilità, fatevene una ragione.
Hanno perso le privatizzazioni a tutti i costi.
Ha perso un Sistema morente che ormai mostra tutta la sua vulnerabilità.
Hanno perso le Grandi opere.
Hanno perso le lobby.
Hanno perso i bonus e la narrazione di una realtà che non esiste.
Ha perso chi diffama e chi denigra.
Ha perso chi usa milioni di euro di soldi pubblici per fare propaganda spicciola.
Ha perso chi non conosce il Paese e vive solo nel palazzo.

PS auguriamo un buon lavoro ai due nuovi sindaci marchigiani del M5S, Roberto Ascani di Castelfidardo e Gabriele Bonci di Fossombrone


da Joselito Arcioni
Consigliere comunale Movimento 5 Stelle Fabriano





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2016 alle 19:16 sul giornale del 22 giugno 2016 - 685 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle Fabriano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayn7