Sisma, Terzoni (M5S): presentata richiesta al governo per la rimozione di Ceriscioli da sub-commissario

patrizia terzoni 03/08/2017 - “Francamente la misura è colma: l’insipienza della regione Marche e l’inadeguatezza del suo governatore nella gestione del post-sisma in questi dodici mesi sono state totali. Per tale motivo, come M5S abbiamo chiesto all’esecutivo di rivedere il ruolo di Luca Ceriscioli quale sub commissario nella gestione del dopo-terremoto: l’attuale presidente marchigiano è completamente nel pallone e inidoneo al compito che fin qui ha svolto in modo disastroso.

Proprio a Gentiloni chiediamo di rivedere il decreto 189 del 2016 che di fatto sanciva la nomina dei quattro governatori delle regioni colpite dagli eventi sismici a sub-commissari: servono figure esterne alla politica regionale e decisamente più ferrate in materia. Ceriscioli è inidoneo per una serie di ragioni e, tra queste, l'ultima in ordine di tempo riguarda la cena di cui danno notizia organi di stampa con l'imprenditore Mauro Lancia, in custodia cautelare a seguito della recente operazione dei Carabinieri de l'Aquila sugli appalti per il terremoto nel capoluogo abruzzese.

Una vicende che pone interrogativi rispetto ai quali fino ad ora Ceriscioli non ha speso una parola". Così i deputati marchigiani del MoVimento 5 Stelle Donatella Agostinelli, Andrea Cecconi, Patrizia Terzoni, che hanno presentato un'interrogazione a prima firma Terzoni rivolta alla Presidenza del Consiglio e al Mibact. “Lancia e Ceriscioli – proseguono i tre deputati marchigiani - erano a cena insieme con altri imprenditori del comparto edilizio il 7 ottobre 2016 e alcuni media hanno riportato una intercettazione telefonica intercorsa fra Mauro Lancia e un alto funzionario del Mibact nel corso della quale, parlando della sopracitata cena, l'imprenditore marchigiano avrebbe detto: “ho avuto la cena di cui ti parlavo. 

Ci ha detto come funziona, tutte le opere pubbliche vengono appaltate a Roma. Tocca verificare, le linee guida non sono chiare per evitare lo scandalo vergognoso de l'Aquila”. Su questa vicenda fino ad ora Ceriscioli non ha ritenuto necessario fare alcuna esternazione, offrire la sua versione dei fatti. Ma le manchevolezze del presidente della regione Marche sono anche altre e sono numerose e rilevanti. Citiamo il recente caso nel quale è stato costretto, a furor di popolo, a ritirare la proposta per la realizzare la pista ciclabile Sarnano-Civitanova con i fondi degli sms solidali per i terremotati, proposta avanzata dalla Regione Marche.

Andando a ritroso, a febbraio scorso la regione Marche si è trovata costretta a ritirare l'assegnazione dell'appalto per la realizzazione delle stalle provvisorie alla ditta aggiudicataria per inadempienza. Un intervento tardivo giunto dopo il freddo record di gennaio che ha causato la morte di migliaia di animali. Le tensostrutture avrebbero dovuto essere pronte entro novembre, non a primavera. Auspichiamo che Gentiloni prenda atto del fatto che le Marche sono la regione più colpita dal sisma e che per risollevare i nostri territori c'è bisogno di gente seria, dedicata alla causa, che monitori costantemente la situazione nel Cratere. Quella persona certamente non è Luca Ceriscioli”.


da On. Patrizia Terzoni
Movimento 5 Stelle




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2017 alle 09:27 sul giornale del 04 agosto 2017 - 290 letture

In questo articolo si parla di politica, fabriano, Movimento 5 Stelle, On. Patrizia Terzoni, patrizia terzoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLRf