Barcellona: il bimbo australiano è tra i 13 morti dell'attentato

20/08/2017 - Julian Cadman, il bambino australiano di 7 anni dato per disperso da giovedì, è una delle 13 persone morte durante l'attentato terroristico sulla Rambla di Barcellona.

Lo ha confermato domenica la polizia catalana. Non si avevano sue notizie ufficiali da giovedì, e sabato i quotidiani spagnoli avevano riportato la notizia che il bimbo era stato rintracciato vivo ed era tra i feriti ricoverati in ospedale.

Julian aveva la doppia nazionalità britannica e australiana, e si trovava a Barcellona con la mamma per partecipare a un matrimonio. La donna è rimasta gravemente ferita ed è una delle persone ancora ricoverate in ospedale. Il padre e il nonno del bimbo erano subito partiti per la città catalana per cercarlo.

Il bilancio dei morti nell'attentato (13 persone a Barcellona, 1 a Cambrils) non cambia: il piccolo Julian era stato conteggiato fin dall'inizio tra le vittime.

Tre dei morti erano di nazionalità italiana: Bruno Gulotta, 35 anni di Legnano (Milano), Luca Russo, 25 anni di Bassano del Grappa (Vicenza), e Carmen Lopardo, 80 anni, residente da decenni in Argentina. Tra le altre vittime ci sono cinque spagnoli, due portoghesi, un belga, un canadese e uno statunitense.





Questo è un articolo pubblicato il 20-08-2017 alle 18:02 sul giornale del 21 agosto 2017 - 634 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Barcellona, marco vitaloni, attentato terroristico, articolo, Rambla

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aMiW