Protese e disagi per mancato fine lavori in centro storico

17/10/2017 - Dovevano terminare il 30 settembre ma via Fabio Filzi è ancora accerchiata dai lavori di rifacimento delle line elettriche, fognaria, dell’acquedotto e della pavimentazione.

Si lavora ancora, da questa estate, a giorni alterni, dopo essere trascorso il meritato riposo di ferie di agosto. Un dì si fatica, altri due o tre no, poi arriva il weekend e di conseguenza si passa alla prossima settimana: l’andamento dei lavori è stato questo e oltre metà ottobre sono ben lontani dal terminare. Da entrambe i lati d’ingresso, quello di via Cialdini e Antonio Fratti, è circondata da cartelli di divieto di sosta, dai mezzi (bob cat, piccoli camion, escavatori, compressori ecc.) adibiti ai lavori e dai relativi rumori di cantiere.

Inoltre sul lato fiume sono per fortuna interrotti i lavori di scopertura del fiume Giano, oggi poco più di un ruscello che scorre parallelo a Via Filzi. Qui operavano grandi scavatori dotati di martello demolitore e da ruspe con pale che raccoglievano il materiale di cemento armato (molto è rimasto ancora sul letto del fiume) che costituisce la copertura. Un terremoto continuo per i residenti e le attività di via Filzi, condito da questa monotona colonna sonora perpetua dei motori dei mezzi appena citati.

Polvere, rumore e soprattutto disagi per i mancati parcheggi d’ingresso di via Filzi. Qui, prima o poi, accadrà il fattaccio, liti quotidiane a non finire che degeneranno in malo modo se le forze della polizia municipale non interverranno quanto prima. A questo va aggiunta la raccolta dell’immondizia porta a porta: un giorno si raccoglie la plastica, un altro la carta, un altro ancora il vetro per arrivare a quella dell’organico.

Ciò significa che per tantissimi ore questi materiali rimangono in bella vista (valorizzazione turistica del centro storico e del costruzione del Parco del Giano) lungo la via, dove sono in corso i lavori e nel parcheggio, dove i posti macchina sono dimezzati e quindi è un continuo rincorrersi, quasi una lotta all’ultimo sangue, tra la ricerca dei posteggi dei residenti, di quelli che raggiungono le diverse attività commerciali ed economiche e di tutti gli altri che, in particolare tra venerdi e sabato, cercano dove far sostare la propria auto. Per ora ci fermiamo qui, ma certo continueremo a seguire molto da vicino la incredibile vicenda.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2017 alle 12:24 sul giornale del 18 ottobre 2017 - 280 letture

In questo articolo si parla di attualità, Daniele Gattucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aN4S