Sassoferrato: approda al Teatro del Sentino la commedia "Minchia Signor Tenente"

06/03/2018 - Un’occasione per ridere, tanto, ma anche per riflettere, a fondo! Dopo nove anni di successi raccolti su e giù per l’Italia, martedì 13 marzo, alle ore 21,00, approda al Teatro del Sentino la commedia brillante Minchia Signor Tenente.

Scritta nel 2008 da un giovanissimo Antonio Grosso, che è anche protagonista dello spettacolo, la commedia, abilmente diretta da Nicola Pistoia, ha superato le trecento repliche. E’ stata la canzone Signor Tenente, presentata da Giorgio Faletti al Festival di Sanremo del ’94, ad ispirare Grosso, autore geniale e attore di grande talento. In sostanza, uno spettacolo di denuncia, coinvolgente, in cui si affronta il drammatico tema della mafia, ma in modo incredibilmente comico e originale.

Oltre ai successi di pubblico, Minchia Signor Tenente ha ottenuto riconoscimenti anche da parte della critica: ha vinto il “Premio Cerami” per la miglior drammaturgia contemporanea. Su questo testo è stata anche scritta una tesi di laurea dal titolo “Il teatro come strumento educativo per la promozione della legalità”.

Ambientata in Sicilia nel 1992, la commedia è interpretata da un cast di eccellente livello che, oltre a Grosso, comprende: Gaspare Di Stefano, Federica Carruba Toscano, Francesco Nannarelli, Antonello Pascale, Natale Russo, Gioele Rotini e Francesco Sigillino.

In un paesino dell’isola c’è una caserma dei carabinieri, posta sul cucuzzolo di una montagna. I cinque militari che vi prestano servizio, ognuno proveniente da una diversa regione italiana, affrontano la quotidianità del paesino, dove la cosa che turba di più la gente del posto è il ladro di galline: una volpe!! Tra sfottò e paradossi, un matto che denuncia continuamente cose impossibili, e situazioni personali, i ragazzi si sentono parte di una famiglia, un’unica famiglia. L’arrivo di un tenente, inviato lì per dirigere una delicata indagine sulla mafia, destabilizzerà, però, l’unione dei carabinieri. Cinque carabinieri, un tenente e la mafia che li circonda. Potrebbe sembrare la classica storia del cattivo e dei buoni in cui il bene vince sempre…e invece?

«Invece non è così - spiega Antonio Grosso - perché lo spettacolo rappresenta quell’Italia che tante volte ci ha fatto soffrire, ridere, piangere e sperare. E’ l’incontro fra l’Italia che c’è e l’Italia che avremmo voluto avere. Ho cercato di rappresentare al massimo il rapporto di quotidianità che un gruppo di carabinieri ha dovuto affrontare durante gli anni in cui il nostro paese era devastato dalla furia omicida della mafia. S’è detto e s’è fatto tutto sulla mafia, io ho cercato di dire e fare il tutto in modo alquanto originale, e forse ho avuto la follia o la pazzia di raccontare la verità e denunciare chi poteva fare, ma non ha fatto…tutto facendoci cullare dalla leggerezza… attenzione, la mia non è satira, ma comicità! La mafia prima era presente con bombe, attentati e omicidi: oggi tutto questo non c’è più, e oggi che si presenta silenziosa e sembra essere sconfitta, proprio oggi la mafia è a mio avviso più pericolosa che mai.»

Dunque, uno spettacolo da non perdere, anche perché questo sarà l’ultimo anno di repliche.

Info: Comune di Sassoferrato - tel. 0732/956232-217 - cell. 377/1203522 - fax 0732/956234, e-mail: teatrodelsentino@comune.sassoferrato.an.it - web: www.comune.sassoferrato.an.it , area “Teatro”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2018 alle 17:19 sul giornale del 07 marzo 2018 - 210 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, sassoferrato, Comune di Sassoferrato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSmf