Niente italia per il marchigiano Mancini?

Roberto Mancini 3' di lettura 24/03/2018 - Lo jesino Roberto Mancini sembrava fino a qualche giorno fa davvero molto vicino alla guida come commissario tecnico della nazionale italiana. Il periodo da traghettatore dell'attuale CT dell'Under 21, Luigi di Biagio, sembrava la soluzione ponte fino a giugno, per quando il Mancio si sarebbe potuto slegare dall'impegno con la squadra russa dello Zenit San Pietroburgo.

Ma ora qualcosa di molto importante è cambiato. Carlo Ancelotti, ex di Paris Saint Germain, Real Madrid, Chelsea, Juventus e Milan, ha infatti dichiarato in modo letterale "La panchina della Nazionale azzurra? Non è un'ipotesi così lontana".

Ha poi aggiunto che si conosce davvero bene con Alessandro Costacurta, entrato da dirigente nella Federazione Italiana Giuoco Calcio, e che comunque è giusto che la FGCI si prenda il tempo necessario per fare la scelta giusta. Lo stesso Costacurta, nel rispondere alle domande su Ancelotti non ha affatto negato i contatti ma ha soltanto ricordato che attualmente è ancora sotto contratto con il Bayern Monaco che lo ha incredibilmente esonerato ad inizio della stagione in corso.

Insomma, dalle parole di Ancelotti sembra veramente che l'accordo sia ad un passo nonostante fino a qualche giorno fa le quotazioni con o senza le promozioni per i nuovi giocatori dei siti specializzati in scommesse sportive dessero per netto favorito Roberto Mancini.

Si tratta dunque di una clamorosa inversione ad U visto che dopo l'esonero di Ventura a causa del clamoroso flop con la Svezia ai playoff per le qualificazioni ai mondiali di Russia, il nome sulla bocca di tutti era proprio quello di Carlo Ancelotti ma lui stesso aveva pubblicamente declinato l'invito. Le indiscrezioni dei bene informati hanno svelato che l'ostacolo era l'ex presidente della FGCI Carlo Tavecchio ma una volta che è avvenuto un cambio ai vertici della federazione (se pur provvisorio con il commissariamento), non c'era più alcun problema per il matrimonio tra il tecnico emiliano e la maglia azzurra.

Ovviamente fin quando non ci sarà l'ufficialità è bene prendere tutto con la dovuta cautela ma conoscendo le consuetudini comunicative di Carlo Ancelotti, la sua dichiarazione è decisamente non canonica rispetto alla sua tipica prudenza e questo vorrebbe dunque dire che veramente le parti sono oramai vicinissime per un accordo.

Da marchigiani ovviamente un po' dispiace se non sarà dunque Roberto Mancini il nuovo CT della nazionale ma dall'altra parte con Ancelotti, la nazionale italiana guadagna uno dei tecnici più vincenti attualmente in attività e più in generale nella storia del calcio. Ovviamente si tratta della sua prima esperienza con una nazionale ma è lecito sperare in ottimi risultati visto quanto ottenuto dall'ex calciatori in società molto differenti fra loro ed anche nei principali campionati europei, tutti con caratteristiche specifiche e peculiari.

E poi ovviamente non è detto che Mancini non possa sedere sulla panchina azzurra in futuro. La sua giovane età gli consentirà di essere ancora in attività per almeno altre due decadi e quindi la sua carriera prima o poi potrà incontrare il prestigio che dà il ruolo di commissario tecnico della nazionale italiana.






Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2018 alle 10:18 sul giornale del 24 marzo 2018 - 130 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, sport, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aS1e





logoEV