Serra San Quirico: continua la Rassegna Letteraria “Libri di Marca"

2' di lettura 23/03/2018 - A Serra San Quirico, domenica 25 marzo in concomitanza con le celebrazioni liturgiche per la “Sacra Spina” che da secoli si onora nella cittadina marchigiana, si terrà, a cura della locale Associazione culturale Salnitro, la presentazione di un libro pubblicato nei quaderni del Consiglio Regionale delle Marche che nell’estate scorsa ha fatto bella mostra di se presso lo stand della Regione al Salone del libro di Torino.

Si tratta della pubblicazione curata da Manlio Baleani dal titolo eloquente: “Passione e Morte di Gesù Cristo nei dialetti italiani”, Una serie di brani e di poesie che narrano gli ultimi istanti della vita di Nostro Signore utilizzando la lingua del popolo, il parlare dei sentimenti negli idiomi che vanno dal patois valdostano fino al logodorese sardo, passando ovviamente per le Marche, rappresentata dai dialetti di Fano, Senigallia, Jesi, Ancona, Macerata, Porto Recanati, San Severino Marche ed Ascoli Piceno.

A Serra san Quirico nella chiesa di San Filippo, nel centro storico, l’Arcivescovo Emerito di Loreto Monsignor Giovanni Tonucci terrà una relazione incentrata sul racconto che l’evangelista San Marco fa di quella vicenda in un linguaggio asciutto ed essenziale che caratterizza l’intero vangelo scritto originariamente in lingua greca dal discepolo di San Pietro. Seguirà la lettura del capitolo quindici in vari dialetti marchigiani. Poi a seguire sarà la volta della lettura delle poesie dialettali ispirate allo stesso episodio tra cui il racconto anconetano de “El Vangelo de mi nona” e quello in dialetto di Morto Recanati dal titolo: “ ‘N antru Vangelu da legge pianu e da ‘rpensacce sopra”

Condurrà l’evento Roberto Negro, per conto dell’Ass Salnitro, e che invita tutti la domenica delle Palme, alle ore 18,00 per vivere un momento che supera la dimensione letteraria per approdare a quella religiosa della quaresima.

Questa rappresentazione ha visto quest’anno ben sei eventi in vari cittadine della nostra Regione. Si è iniziato a Jesi presso la parrocchia di San Giuseppe, per giungere poi a Cingoli nella collegiata di San Esusperanzio, a Ostra nella chiesa di San Francesco, ad Ancona con gli studenti dell’ Istituto Caggiari, a Loro Piceno nella chiesa parrocchiale di Santa Maria, per chiudere proprio a Serra San Quirico.

L’invito è rivolto a quanti vorranno ascoltare nella lingua del popolo ciò che visse il Signore. Dal dramma del tradimento e l’abbandono dei suoi fino alla furia cieca di un popolo sobillato dai suoi capi e la conveniente neutralità delle autorità imperiali. Per concludersi con il grido di dolore che si leva alle tre del pomeriggio di una cupa primavera di due mila anni fa.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-03-2018 alle 12:07 sul giornale del 24 marzo 2018 - 302 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSX0





logoEV