FabrianoInAcquarello, al via la nona edizione

26/04/2018 - “FabrianoInAcquarello” è la Convention internazionale di pittura ad acqua su carta che si svolge a Fabriano, la città marchigiana che ha dato i natali alla carta in occidente.

La convention si svolge dal 2010, quando la prima edizione fu organizzata in modo sperimentale con una elite di artisti nazionali. FabrianoInAcquarello si è successivamente esponenzialmente sviluppata tanto da essere ormai ai vertici dell’attenzione internazionale nel settore della pittura ad acquarello, divenendo il più importante focus di confronto di tutte le comunità internazionali.

Fabriano InAcquarello fa leva su una comunità artistica internazionale stimata nell’ordine delle 800.000 unità ed è concepita, oltre che per il suo valore artistico culturale, anche come strategia di marketing territoriale a beneficio della zona montana della Regione Marche, un’area che ha conservato specificità enogastronomiche e bellezze territoriali che la rendono particolarmente attrattiva per questo genere di turisti/artisti.

Fin dalla sua prima edizione FabrianoInAcquarello ha operato per la valorizzazione degli artisti e della tecnica pittorica su carta, con una marcata attenzione all’innovazione e al coinvolgimento delle nuove generazioni, obiettivi molto sentiti fra gli addetti ai lavori di tutto il mondo che lamentano nel settore grande competizione e poca strategia innovativa.

Nata in concomitanza e a supporto del “Premio Marche d’Acqua”, che ha cadenza biennale, FabrianoInAcquarello si è caratterizzata quindi come convegno annuale internazionale preceduto da una serie di appuntamenti collaterali e propedeutici che si svolgono durante tutto l’arco dell’ anno nella città di Fabriano. A questi appuntamenti italiani si aggiungono una serie di eventi in cooperazioni con prestigiosi partner internazionali strumentali al consolidamento ed al presidio dei contatti nel mondo. Il convegno è aperto alla partecipazione collettiva senza frontiere di artisti ed addetti ai lavori; ospita, quale testimonianza della tecnica applicata e dell’espressione degli artisti e dei maestri internazionali, una mostra di oltre 1.440 opere selezionate in 75 paesi del mondo.

Negli anni l’Ass. culturale InArte che ha ideato il progetto, ha lavorato in squadra con l’amministrazione comunale di Fabriano e con un gruppo di enti pubblici e privati sensibili alla tematica artistica, sfruttando il vantaggio di due eccellenze locali conosciute ed apprezzate in tutto il mondo:

- la carta, nello specifico quella destinata al mondo artistico,

- ed il brand industriale “Fabriano” sinonimo di carta da disegno e da acquarello, che ha un valore di prestigio internazionale grazie alla politica di marketing della locale cartiera (allora Miliani / quindi Fedrigoni / fino alla nuova proprietà americana, notizia di questi giorni…) che negli anni 70/80 lo ha magistralmente promosso e continua a promuoverlo.

La proposta della convention, che è assolutamente solo inclusiva degli artisti e non competitiva, negli anni ha permesso di creare attenzione sia per la tecnica artistica, che per la carta di Fabriano, che per tutto quanto attinente al territorio che Fabriano rappresenta, accattivando un target che costituisce un’importante e raffinata nicchia nel settore dell’Arte contemporanea: un pubblico abituato a viaggiare – quindi predisposto a raggiungere Fabriano - ed amante di luoghi italiani così detti “minori” e “veri”, piuttosto che dei siti più conosciuti ma speculati turisticamente.
Forte di queste leve propositive, dal 2015 FabrianoInAcquarello è riconosciuta presidio annuale nel settore, costituendo ulteriore attrattiva artistica e turistica non più solo per Fabriano ma per un territorio italiano diffuso. Ci piace far notare che prima di arrivare a Fabriano gli artisti internazionali che vengono in Italia appositamente per partecipare alla convention non mancheranno di spendere alcuni giorni nelle splendide mete d’arte Italiane quali Milano, Roma, Firenze, Arezzo – ma soprattutto che prima e dopo il convegno Fabrianese gli artisti sono invitati a visitare Urbino, Ferrara, Frascati, Sperlonga, l’isola di Ventotene, Mondovì e Venezia, che insieme al Castello di Genga, alle meravigliose Grotte di Frasassi e al pittoresco borgo di Serra San Quirico vengono proposti come luoghi collaterali di accoglienza in una rete territoriale italiana, emanazione di FabrianoInAcquarello e chiamata “InAcquarello”.

Aspettative per l’evento FabrianoInAcquarello 2018 / il Museo internazionale dell’Acquarello

Una lunga serie di attività di selezione fatta su un enorme gruppo di artisti internazionali, ci hanno condotto verso l’evento clue: a Fabriano dal 3 al 7 maggio 2018 (in itinere quindi nelle città “InAcquarello” dal 30 aprile al 16 maggio), quando oltre 1.500 artisti, provenienti da 75 paesi del mondo esporranno i propri acquarelli a Fabriano nei luoghi più belli della città – sono appunto i nostri luoghi storici ed artistici che accoglieranno e custodiranno le opere dei Maestri – l’aspettativa di partecipazione all’ evento è di oltre 1.500 presenze di persone che per 5 giorni soggiorneranno / dipingeranno / faranno arte a Fabriano insieme a maestri, tecnici, operatori commerciali ed appassionati di questa tecnica artistica.

Durante il convegno Fabriano, Genga e Serra San Quirico saranno teatro della scuola di nudo e della performance di 58 Maestri internazionali che dipingeranno dal vero, in pubblico, per dimostrare la loro tecnica e creatività.

Dal 24 aprile 2017, durante l’ottava edizione di FabrianoInAcquarello, a Fabriano è stato inaugurato il Museo internazionale dell’Acquarello, una startup che ha sede a Palazzo Vescovile dove sono allestite in permanenza 250 delle oltre 800 opere della collezione mussale derivante dal lavoro di connessione internazionale svolto in questi anni. Il Museo è il primo ed unico al mondo e rappresenta il prezioso presidio territoriale che rende Fabriano la capitale mondiale dell’acquarello contemporaneo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2018 alle 11:15 sul giornale del 27 aprile 2018 - 473 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, Comune di Fabriano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTXA