Pd: "Sull'ospedale la minoranza è compatta ma la maggioranza non ha idee"

sanità 1' di lettura 13/08/2018 - Quando si parla di difesa del territorio nessuno può tacere. E il tema più importante è quello della sanità pubblica. Perché ci riguarda tutti come società, come persone, come futuro. Ogni forza politica deve agire, non basta rimanere fermi ad aspettare che qualcosa accada.

Durante lo scorso Consiglio Comunale sul tema sanità, da un lato le opposizioni presentavano un documento a firma congiunta con proposte, idee ed impegni da perseguire; dall'altro la maggioranza non solo si presentava senza alcun documento da discutere, ma esordiva con la Consigliera Roberta Stazi che si permetteva di dire "che avere un documento condiviso in questo momento serve a poco". Faccio mie le parole del Consigliere Crocetti: "non possiamo aspettare che siano altri a decidere per noi: come istituzione del territorio abbiamo la responsabilità di esprimerci e prendere una decisione". Il clima cambia, la maggioranza comincia a porre questioni di merito. Bene, abbiamo fatto ragionare, abbiamo pungolato, abbiamo vinto. L'esito del Consiglio è stato quello di rinviare per cercare una sintesi, per cercare l'unanimità.

Come dovrebbe sempre essere su temi di questa importanza. Non si fanno passi indietro. Non si accettano compromessi di partito. Non si accetta il silenzio. Questa è la linea del Partito Democratico. Non sarà la propaganda e lo scaricabarile a salvaguardare i servizi del nostro Ospedale. Ed ora avanti con determinazione e senza compromessi perché su questi temi esiste solo l'unità."






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2018 alle 08:02 sul giornale del 14 agosto 2018 - 268 letture

In questo articolo si parla di sanità, politica, partito democratico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXus





logoEV