Il presidente Ceriscioli sulla nomina di monsignor Russo a segretario Cei: “Orgogliosi come marchigiani”

28/09/2018 - Accogliamo con piacere la notizia della nomina a segretario generale della CEI di monsignor Stefano Russo, vescovo della diocesi di Fabriano-Matelica e nostro concittadino marchigiano di Ascoli Piceno.

Un uomo di Chiesa che ha sempre operato con grande intelligenza e premura e che, in ogni suo incarico, ha sempre mostrato una straordinaria vicinanza verso il nostro territorio. Siamo certi, così come lo è stato Papa Francesco che lo ha voluto in questo ruolo, che monsignor Russo saprà portare, in questa sua nuova veste in seno alla Conferenza Episcopale, tutta la sua esperienza e tutta la sua saggezza, maturata nei quasi 30 anni trascorsi al servizio della Chiesa e delle nostre comunità e diocesi.

Non possiamo fare a meno di ricordare il suo impegno a tutela della cultura e dei beni storico artistici della Conferenza Episcopale Marchigiana e, più in generale, delle Marche, in particolar modo di quei luoghi colpiti a più riprese dal terremoto. Nel ringraziarlo per l’impegno profuso nella nostra regione, vogliamo porgere a Monsignor Russo i nostri più sentiti auguri per la sua nuova nomina, che ci rende orgogliosi in quanto marchigiani e fiduciosi nella possibilità che Istituzioni e mondo ecclesiastico continuino a dialogare in modo sempre più costruttivo.


da Luca Ceriscioli
Presidente Regione Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2018 alle 17:06 sul giornale del 29 settembre 2018 - 261 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, luca ceriscioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYRa