Ciclovia del Tenna, l’assessore Cesetti presenta il progetto agli amministratori locali: “Realizzabili i primi 15 chilometri, la Regione investe sulla mobilità dolce”

13/11/2018 - Il progetto prevede un collegamento ciclabile lungo la vallata del Tenna. A disposizione ci sono già 3,3 milioni di euro del Fondo sviluppo e coesione 2014-2020. Saranno sufficienti per realizzare un primo tratto ciclopedonabile di 15 chilometri, con un percorso lineare, sicuro e continuativo

È ciclovia del Tenna che l’assessore regionale Fabrizio Cesetti ha presentato agli amministratori locali interessati nel corso di un incontro che si è svolto presso la Sala consiliare della Provincia di Fermo, convocato dalla vicepresidente della Regione Anna Casini. Insieme a quelle dell’Aso e dell’Ete Vivo, fa parte delle ciclopiste fermane che compongono la nuova rete ciclabile regionale: un investimento da 46,3 milioni di euro per realizzare 247 chilometri di nuovi percorsi che collegheranno la costa con le aree interne. Pensata come una infrastruttura leggera a “pettine”, unirà la ciclovia Adriatica nazionale, che coinvolge tutto il tratto litorale marchigiano, alle tredici direttrici di sviluppo ciclopedonabile corrispondenti alle principali vallate fluviali regionali.
“Un piano di investimento sulla mobilità dolce mai realizzato nelle Marche e che ora trova concretezza grazie ai fondi già disponibili, che verranno implementati con le risorse europee, nazionali e regionali che si renderanno utilizzabili - ha detto l’assessore Cesetti agli amministratori e ai tecnici presenti all’incontro, ringraziando la Casini per aver promosso il confronto con gli enti locali coinvolti – L’obiettivo è quello di creare un sistema di trasporto che integri quello pubblico locale. Non verranno realizzate solo le piste, ma tutte le infrastrutture utili (come bike officine, parcheggi dedicati, punti ristori, infopoint cicloturistici), per rendere concreta e vantaggiosa l’intermodalità con gomma e ferro. Sarà normale, a quel punto, per gli interessati e gli appassionati, scoprire le Marche utilizzando, contemporaneamente, bicicletta, treno, autobus. Un modo piacevole, ecologico, di visitare borghi, luoghi di cultura e d’arte, decongestionando la viabilità e migliorando la qualità ambientale delle città”.
L’ipotesi progettuale presentata dalla Regione prevede un percorso che segue l’asta fluviale e, dove, possibile, il recupero della rete ferroviaria dismessa. Verranno privilegiate le connessioni agli abitati e alle infrastrutture viarie esistenti, insieme all’utilizzo delle aree demaniali per ridurre i tempi di realizzazione. Il tratto iniziale del tracciato seguirà la sommità dell’argine del Tenna, mentre l’intervento mirerà anche a riqualificare le zone fluviali attualmente inaccessibili.
Potenzialmente interessati alla ciclovia sono i comuni di Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare, Fermo, Monte Urano, Rapagnano, Magliano di Tenna, Grottazzolina, Montegiorgio, Belmonte Piceno, Servigliano, Falerone, Penna San Giovanni, Monte San Martino, Santa Vittoria in Matenano, Montefalcone Appennino, Smerillo, Amandola.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2018 alle 21:33 sul giornale del 14 novembre 2018 - 414 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1mo