Basket: Fabriano sbanca il PalaDolmen di Bisceglie 56-67, ora è terza in solitaria in classifica

24/12/2018 - Quintetto classico per coach Fantozzi che deve fare a meno anche questa sera di Bruno Ondo Mengue (ancora acciaccato) e manda sul parquet Emi Paparella, “Fil” Dri, Devid Cimarelli, Jimmy Gatti ed Ivan Morgillo.

Ad inaugurare la sfida è Cantagalli da quasi otto metri, al quale Fabriano risponde con attenzione e pazienza offensiva, che porta le due squadre a prendersi subito a braccetto già dalle prime battute. Tomasello è un cliente ostico nel pitturato, carica di falli i biancoblù e lucra dalla lunetta registrando un prezioso 6/6. Fabriano non trova il solito Filiberto Dri allo sparo ed il capitano soffre anche una situazione falli che lo costringe ad abbandonare anzitempo il campo.

E’ Ivan Morgillo a mettere più di una pezza su qualche macchinoso attacco dei cartai. I padroni di casa trovano linfa dalla panca e spaccano il match con l’ingresso di Tredici e Smorto, sono loro a creare il primo break, 22-15 e primo riposo. Non si segna nei primi tre minuti di seconda frazione, poi è Bisceglie a togliere il tappo, allungando il parziale a 12-0 (inchiodata di Kushchev e bomba di Marco Rossi) e registrando lo stesso margine di vantaggio, +12. Si corre da Emiliano Paparella, l'argentino si carica i suoi sulle spalle e spara dall’arco una tripla che somiglia ad una bombola d’ossigeno.

Si va a sprazzi, le retine non si muovono (10-7 il parziale del periodo) e gli ospiti sono offensivamente paralizzati. La coppia arbitrale concede a Bisceglie di mettere le mani addosso ai biancoblù e Fabriano è bloccata. Troppo brutti per essere veri, 32-22 e molto di cui parlare davanti ad un thè caldo.

Bene, ora va molto meglio! Rovesciati come un calzetto: offensivamente pazienti, aggressivi in difesa… difesa, difesa, difesa. Per coach Marinelli l’inizio di terza frazione è un incubo, due liberi di un sontuoso Ivan Morgillo (MVP del match con 15 punti e presenza costante nel pitturato) riducono lo scarto, che possesso dopo possesso diminuisce. Una bomba di Emi Paparella porta la Janus a quattro punti di gap, ma apre una nuova fase di gioco in cui le due squadre non vedono il canestro neanche con il binocolo. Dopo 25’ il punteggio è quasi pallavolistico, 32-28. Bisceglie non segna da 7’, Fabriano ora sì che impatta! Due dalla linea dei 5,20 per il direttore Paparella e Jimmy Gatti nel cuore dell’area, pari 32. Si svegliano improvvisamente i beniamini di casa, che con un colpo di reni (Antonio Smorto relegato in panchina entra e cambia il volto dei Leoni) tornano in un amen sul +9. Devid Cimarelli blocca l’emorragia, 43-36. Dieci da giocare, coach Marinelli passeggia nervosamente avanti alla sua panchina, mentre Ale Fantozzi si sbraccia ed invita i suoi a non mollare su nessun pallone. La sua squadra esegue e sforna un ultimo periodo perfetto: quattro giri d’orologio per riacciuffare di nuovo i fuggitivi con un Filiberto Dri che si ribella alla gabbia dei falli e piazza due triple consecutive (la seconda da capogiro, sulla sirena dei 24", baciata da Babbo Natale e tabellone) che fanno volare Fabriano per la prima volta in vantaggio sul 49-51! Minuto di sospensione per coach Marinelli che trova subito nelle mani di Rossi la tripla del controsorpasso. Ora però, comandiamo noi. Ivan Morgillo corregge in tap-in (chiamarlo tap-in è riduttivo, in quello schiaccione c’erano duemila cuori biancoblù) un errore in appoggio di Lillo Monacelli ed è proprio il piccolo numero 4 a punire dalla lunetta una Bisceglie in bonus che spende sul play fabrianese l'ennesimo fallo. La maglia difensiva costruita è meglio di quella di una vecchietta, non passa nulla. Cantagalli sbatte sulla pressione di Devid Cimarelli e coach Marinelli si arrende a 30” dal termine. Filiberto Dri e Jimmy Gatti (rapinatore vero) rendono più pesante un passivo che al termine dice 56-67. Che bel regalo di Natale ci avete fatto ragazzi!

Una vittoria che spedisce i biancoblù al terzo posto in solitaria. Una vittoria che anticipa i due giorni di riposo concessi da coach Alessandro Fantozzi, per permettere ai suoi di trascorrere al meglio le festività in famiglia. Domenica 30, nell’ultimo appuntamento del 2018, arriva al PalaGuerrieri Senigallia. FORZA FABRIANO!

Di Pinto Panifici Bisceglie - Ristopro Fabriano 56-67 (22-15, 10-7, 11-14, 13-31)

Di Pinto Panifici Bisceglie: Gianni Cantagalli 11 (1/4, 3/8), Gianluca Tredici 11 (3/5, 1/4), Marco Rossi 10 (2/3, 2/4), Oleksandr Kushchev 10 (4/6, 0/1), Daniele Tomasello 6 (0/2, 0/0), Antonio fabrizio Smorto 6 (2/3, 0/3), Andrea Chiriatti 2 (1/2, 0/0), Cesare Zugno 0 (0/0, 0/2), Danilo Mazzarese 0 (0/0, 0/1), Domenico Quarto di palo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 14 - Rimbalzi: 25 2 + 23 (Daniele Tomasello 7) - Assist: 16 (Gianluca Tredici 4)

Ristopro Fabriano: Ivan Morgillo 15 (6/10, 0/1), Nicolò Gatti 14 (3/9, 2/9), Filiberto Dri 11 (1/2, 2/3), Emiliano Paparella 10 (0/2, 2/5), Lorenzo Monacelli 9 (3/9, 0/3), Devid Cimarelli 6 (3/6, 0/0), Iba koite Thiam 2 (1/3, 0/0), Niccolo Mencherini 0 (0/1, 0/0), Massimiliano Bordi 0 (0/0, 0/0), Elias Donati 0 (0/0, 0/0), Bruno Ondo mengue 0 (0/0, 0/0), Francesco Francavilla 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 18 - Rimbalzi: 26 7 + 19 (Nicolò Gatti 6) - Assist: 10 (Nicolò Gatti 4)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-12-2018 alle 09:20 sul giornale del 27 dicembre 2018 - 247 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, fabriano, janus basket

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2Nq





logoEV