Sassoferrato: 25 aprile, la libertà al centro della manifestazione

4' di lettura 30/04/2019 - La fine della guerra, l’avvio di una nuova stagione per l’Italia e soprattutto l’importanza del diritto alla Libertà sono stati motivo di riflessione in una giornata intensa e commovente, quella del 25 aprile, che ha preso avvio con il raduno delle autorità in Piazza Matteotti, per proseguire poi con il corteo verso il Parco della Rimembranza dove è stata celebrata la Santa Messa, dal Parroco Don Giovanni Mosciatti, e la partecipazione del Gruppo Strumentale Città di Sassoferrato.

Davanti al monumento ai caduti è stata deposta la corona d’alloro e hanno portato il saluto il sindaco di Sassoferrato Ing. Ugo Pesciarelli, il Sindaco del Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze, Andrea Orciari, e Aldo Toni, in rappresentanza dell’Associazione Anpi di Sassoferrato. Tutti gli intervenuti hanno voluto ricordare e rendere omaggio in modo particolare a Diana Vitaletti e Woner Lisardi da poco scomparsi, che hanno fatto la storia partigiana di Sassoferrato.

Il sindaco del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze ha ricordato il grande valore della libertà in tutte le sue espressioni, “diritto del quale oggi molto spesso ci dimentichiamo, dice il giovane Andrea Orciari - commettendo l’errore di non partecipare ad eventi di questo tipo. Manifestazioni che ricordano fatti storici lontani nel tempo sembrano non interessare più, si ritengono inutili, non si tiene però conto che la maggior parte dei diritti di cui oggi tutti noi godiamo sono stati ottenuti grazie alla lotta attuata da coloro che hanno desiderato assicurare alle generazioni future, anche a costo della propria vita, la libertà”.

Il Sindaco Ugo Pesciarelli, poi, nel salutare tutti i presenti, dalle autorità civili e militari alle associazioni combattentistiche e d’arma a tutte le associazioni convenute, ai ragazzi e ai giovani presenti rappresentati dal Sindaco del CCRR, ha ricordato: “Sono passati dunque oltre 74 anni dagli eventi che celebriamo oggi, da quel 25 aprile 1945 quando il comitato di liberazione nazionale alta Italia chiamava alla insurrezione generale. Un tempo lungo che fa apparire quegli eventi drammatici lontani dalla realtà dei nostri giorni, avvenimenti dei quali si fa fatica oggi a capire il senso. Ma alla coscienza civile alla coscienza di ciascuno di noi spetta il compito di operare con dedizione e costanza per mantenere viva la memoria di quegli eventi e trasmetterne i valori della resistenza e della lotta per la liberazione del paese dall’oppressione nazifascista.

Ricordare dunque e fare memoria in quanto è la memoria che fa forte un popolo, il suo sentirsi radicato in un cammino in una storia” e fare memoria continua il primo cittadino “nel significato della citazione di Gustav Mahler – la tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri- è ciò che si deve fare per rispettare e trasmettere alle giovani generazioni il valore dell’impegno, della responsabilità e della solidarietà di chi ha lottato sacrificando la propria vita per la libertà per la giustizia e per la democrazia consegnandoci un inestimabile patrimonio di valori” - Proprio per questo motivo e per l’importanza dell’educazione e della cultura, altri valori fondamentali di una società libera e democratica, Pesciarelli ha ringraziato ed elogiato la collaborazione con l’Istituto Comprensivo.

Un forte plauso è stato rivolto ai ragazzi per il lavoro di ricerca e studio dei personaggi e degli avvenimenti locali all’epoca delle guerre mondiali, svolto dai ragazzi della scuola media che ha portato alla realizzazione di una targa esplicativa del parco della Rimembranza e commemorativa dei caduti in guerra, con testo sia in italiano che in inglese.

Grande soddisfazione dell’insegnante di Inglese Paola Diotallevi che ha illustrato il progetto svolto dai ragazzi coordinati da lei e dall’Insegnante di Italiano Chiara Silvestro, sia per l’interesse dimostrato dai ragazzi che per il riconoscimento avuto nel veder concretizzato in breve tempo il loro lavoro dall’Amministrazione Comunale che ha voluto far posizionare la targa, proprio in occasione di questa solenne e significativa ricorrenza, apprezzando così con un atto tangibile l’impegno dei ragazzi.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2019 alle 11:39 sul giornale del 02 maggio 2019 - 217 letture

In questo articolo si parla di attualità, sassoferrato, Comune di Sassoferrato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6XM





logoEV