Urbino: Consiglio provinciale, approvato l’acquisto dell’immobile “Maestre Pie Venerini” per ospitare gli studenti del “Raffaello”

maestre pie venerini 6' di lettura 18/10/2019 - Il Consiglio provinciale, nella seduta odierna, ha approvato all’unanimità l’acquisto e ristrutturazione, da parte della Provincia di Pesaro e Urbino, dell’immobile di proprietà della “Congregazione delle Maestre Pie Venerini”, situato ad Urbino, in via Oddi, che ospiterà gli studenti dell’Istituto “Raffaello”, non più utilizzabile in seguito alle verifiche statiche che ne hanno evidenziato l’inidoneità ad ospitare l’attività scolastica.

Come spiegato ai consiglieri dal direttore generale della Provincia Marco Domenicucci, il 4 novembre a Roma verranno definite le modalità di acquisto, per un importo di 700mila euro frutto di trattativa con la Congregazione, per poi procedere, nei giorni seguenti, alla stipula del contratto preliminare e successivamente all’accensione di un mutuo che prevede, oltre ai 700mila euro relativi all’acquisto, ulteriori 800mila euro per oneri fiscali e spese di sistemazione dell’edificio. “Altri 200mila euro, al di fuori del mutuo - ha aggiunto Domenicucci - verranno stanziati dalla Provincia per lavori da fare con urgenza nell’edificio, così da rendere disponibili, nell’arco di un mese dal contratto preliminare, il piano terra e primo piano che serviranno intanto a recuperare 18 aule e gli uffici di segreteria. Sarà il dirigente scolastico a decidere quali studenti trasferirvi, presumiamo quelli di Castelcavallino che eviterebbero così i disagi legati al trasporto. Subito dopo, la Provincia procederà ai lavori nel resto della struttura, così da poter ospitare tutti gli altri studenti del ‘Raffaello’ al massimo per l’inizio del nuovo anno scolastico”. Il direttore generale ha inoltre informato che le Maestre Pie Venerini hanno commissionato sulla loro struttura un’indagine che ha confermato la staticità dell’edificio.

PAOLINI: “ANALOGHE SOLUZIONI VANNO TROVATE PER FANO”
“La costruzione di un nuovo edificio per il ‘Raffaello’ di Urbino, resa possibile dal finanziamento Miur di 5 milioni di euro e dal cofinanziamento della Provincia per 2 milioni di euro - ha evidenziato il presidente della Provincia Giuseppe Paolini - richiederà lavori per un paio d’anni, nel frattempo abbiamo voluto dare una risposta agli studenti con l’acquisto di una struttura, quella delle Maestre Pie Venerini, che resterà poi a disposizione per altre scuole di Urbino in cui verranno fatti lavori. Mi auguro che analoghe soluzioni possano essere trovate per Fano, il mio obiettivo è arrivare ad inaugurare il nuovo edificio del ‘Raffaello’ insieme ad un nuovo edificio del ‘Nolfi’, per il quale avevamo previsto un cofinanziamento di 2 milioni di euro come per Urbino. Chiederemo un incontro con i parlamentari del nostro territorio per capire se ci sono altri finanziamenti a cui poter attingere o quali sono le possibilità di scorrimento della graduatoria del Miur (il progetto del Nolfi è arrivato 23esimo nella graduatoria, che ha finanziato per il momento i primi 14, ndr). Vorremmo anche, in collaborazione con gli amministratori fanesi, verificare la presenza di strutture da poter utilizzare e, qualora non si trovassero soluzioni, siamo disposti ad accendere un mutuo”. Il presidente ha dunque spiegato come per l’istituto che ospitava il “Raffaello”, già oggetto da tempo di attenzioni da parte della Provincia per l’esistenza di fessurazioni costantemente monitorate con apposita strumentazione, fosse già stato fatto un “progetto di fattibilità tecnico economica per adeguamento sismico e alle normative di sicurezza” presentato ad un precedente bando Miur, progetto che dopo i risultati delle verifiche statiche giunti ai primi di settembre ha rappresentato la base di partenza per quello definitivo presentato al bando Miur “Sisma 120”. Per il “Nolfi ex Carducci”, invece, ci si è potuti attivare solo dopo aver ricevuto i risultati delle verifiche statiche: i tempi ristretti hanno permesso dunque soltanto l’elaborazione del progetto di fattibilità tecnico - economica, “arrivato comunque 23esimo su 144 presentati nelle regioni interessate dal bando: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo”.

NICOLELLI: “PER IL NOLFI SI PREDISPONGA UN PROGETTO DEFINITIVO”
Il consigliere provinciale di maggioranza Enrico Nicolelli, che è anche consigliere del Comune di Fano, ha chiesto che gli uffici della Provincia predispongano quanto prima un progetto definitivo anche per il “Nolfi ex Carducci”, proponendo contestualmente di “utilizzare i 2 milioni di euro previsti per il cofinanziamento del ‘Nolfi ex Carducci’ per avviare la realizzazione di un nuovo edificio”. Ha poi aggiunto: “Il lavoro fatto dalla Provincia sul Nolfi per consentire di far partire l’anno scolastico è stato eccellente, vorrei però far presenti i disagi che gli studenti ed i docenti si trovano a vivere con la dislocazione in tre plessi scolastici. Sarebbe importante una valutazione, attraverso ulteriori riunioni del tavolo di lavoro istituito in Provincia, per capire se gli studenti possono essere articolati su 2 plessi invece che 3”.

UNANIMITA’ ANCHE PER LE VARIAZIONI DI BILANCIO
In apertura di seduta, dopo un minuto di raccoglimento proposto dalla lista “Cambiamo Pagina” per i due poliziotti uccisi a Trieste, i cui funerali si sono svolti due giorni fa, il consiglio provinciale ha approvato, sempre all’unanimità le variazioni di bilancio che, oltre a prevedere la spesa per l’acquisto e ristrutturazione dell’immobile della “Congregazione delle Maestre Pie Venerini”, hanno inserito anche la previsione del finanziamento nazionale di oltre 7 milioni di euro, ottenuto dalla Provincia attraverso la Regione Marche (in seguito allo scorrimento di una graduatoria della legge 61/98 per la ricostruzione post - sisma) per l’adeguamento sismico degli istituti “Donati” di Fossombrone (3 milioni e 685mila euro) e “Della Rovere” di Urbania (4 milioni di euro).

“Siccome le variazioni di bilancio servono per sistemare e sanare situazioni che riguardano le scuole - ha detto la capogruppo di ‘Cambiamo Pagina’ Margherita Mencoboni anche a nome degli altri 3 consiglieri di minoranza - il nostro gruppo, in linea con l’atteggiamento di collaborazione assunto in questo ambito, vota a favore, trattandosi di atti che riguardano tre istituti scolastici”.

PARCHEGGIO E PISTA POLIVALENTE PER IL “CELLI” DI PIOBBICO
Il consiglio ha approvato all’unanimità anche l’acquisto, per 75mila euro, di un terreno adiacente l’istituto ‘Celli’ di Piobbico per realizzare un parcheggio ed una pista polivalente per l’attività sportiva. Infine, sempre all’unanimità, è stato approvato l’ingresso, nella convenzione tra Provincia di Pesaro e Urbino e Comune di Urbino per lo svolgimento in forma associata delle funzioni di Segretario generale, anche del Comune di Tavullia, nel quale il segretario generale Michele Cancellieri sarà presente un giorno a settimana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2019 alle 17:31 sul giornale del 18 ottobre 2019 - 400 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, redazione, pesaro, provincia di pesaro e urbino, consiglio provinciale, pesaro e urbino, scuole superiori, iis raffaello, chiusura iis raffaello, congregazione maestre pie venerini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbQd





logoEV