Laboratori di educazione alimentare, "È buono ...ma è fatto bene?"

2' di lettura 04/11/2019 - Dopo l’introduzione dei prodotti bio e a filiera corta nelle mense scolastiche, continua il percorso promosso dall’Amministrazione Comunale – Assessorato all’Agricoltura e Politiche Giovanili - con un ciclo di laboratori dedicati all’educazione alimentare rivolti agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado.

I laboratori sono realizzati grazie alla collaborazione dell’ Unione Regionale Cuochi Marche e di Slow Food Marche e coinvolgeranno anche i produttori localicon l’obiettivo di realizzare percorsi didattici che possano attivare la partecipazione dei bambini, stimolandoli a manipolare, odorare, degustare e quindi conoscere meglio i prodotti per avere un rapporto sano e consapevole con l’alimentazione.

Sono partiti presso l’Istituto Comprensivo Marco Polo si è svolto il primo laboratorio del format " E' buono ...ma è fatto bene?" rivolto agli studenti delle seconde classi della scuola secondaria di primo grado.

Gli Chef Simone Baleani e Serena D’Alesio, con i loro collaboratori Patrizia Catalani e Marco Cappelletti, hanno accolto i ragazzi con un tavolo imbandito di pane e olio extravergine di oliva marchigiano IGP - Indicazione Geografica Protetta .

Gli Chef hanno coinvolto i ragazzi in un dialogo stimolante, divertente ed interattivo sulla qualità del cibo perché “non sempre ciò che è buono è fatto bene”, sull’importanza del valore nutrizionale e della stagionalità dei cibi spiegati partendo da un ricettario e finendo con “la merenda dei campioni” a base di pane e olio extravergine di oliva.

Attraverso momenti di educazione, condivisione e gioia, il progetto realizzato con l’ Unione Regionale Cuochi Marche, mira ad aumentare il livello di consapevolezza nei giovani sul cibo, rispetto alla possibilità di scegliere cosa è buono ma anche fatto bene, a partire dalla lettura delle etichette, per evidenziare l’importanza della territorialità e anche della stagionalità dei prodotti.

I ragazzi diventeranno così loro stessi “ maestri” di una alimentazione sana stimolando i genitori ad utilizzare prodotti gustosi ma anche fatti bene e legati al nostro territorio.

I laboratori realizzati dall’ Unione Regionale Cuochi Marche per gli studenti delle scuola secondaria di primo grado continueranno negli altri Istituti Comprensivi nel mese di novembre, mese durante il quale inizieranno anche quelli condotti da Slow Food Marche rivolti agli studenti della scuola primaria.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-11-2019 alle 11:25 sul giornale del 05 novembre 2019 - 297 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, Comune di Fabriano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcnI





logoEV