Block Friday vs Black Friday: al 4° Sciopero Globale per il Clima in Ancona giovani anche da Fabriano [FOTO]

2' di lettura 29/11/2019 - Piazza Cavour invasa da giovani e giovanissimi venerdì mattina alle nove per il quarto sciopero globale contro i cambiamenti climatici. Specialmente durante questo "Black friday", evento consumista per eccellenza, i ragazzi hanno sentito l'esigenza di opporre la loro versione di come va vissuta questa giornata: obiettivo blocco dello spostamento delle merci.

In tante e tanti sono scesi in piazza per ribadire i loro no alle politiche complici delle attività umane climalteranti e la loro opposizione alle multinazionali del fossile che impediscono la conversione a fonti energetiche rinnovabili.

"Sappiamo bene chi sono i responsabili" e "la riconversione ecologica la paghi chi ha fatto i miliardi grazie al fossile" le parole d'ordine della giornata.

Lo sciopero è stato costruito insieme agli altri gruppi marchigiani di fridays, e ha raccolto giovani da Civitanova, Fabriano, Jesi, Fano, Pesaro, Macerata, Senigallia e Urbino che si sono dati appuntamento in Piazza della Repubblica, hanno marciato fino al porto di Ancona, e li messo in atto un blocco stradale alla rotatoria, per sottolineare che "non c'è più tempo, bisogna cambiare radicalmente direzione", con in mano degli alberelli che sono poi stati simbolicamente "piantati" sulla strada il traffico è stato fermo per più di un'ora alla rotonda del porto.

I camion si sono bloccati e gli attivisti hanno parlato degli impegni disattesi che le istituzioni avevano preso, insieme all'importanza di lottare davvero e senza remore per ottenere risultati concreti a protezione della vita su questo pianeta.

"Lo stop ai finanziamenti per i produttori del fossile sono una buona cosa, così buona da essere scontata a dire il vero, ma ovviamente non può bastare", dicono i ragazzi, che immaginano un mondo diverso, in cui non si è costretti a scegliere fra occupazione o inquinamento.

Mattinata piena di proposte reali di cambiamento verso un'economia che trova i suoi valori nella giustizia climatica e sociale, per mettere a frutto tutte quelle competenze e tecnologie che già abbiamo per far fronte alla più grande emergenza del nostro tempo, che speriamo riescano ad essere messe in pratica nel minor tempo possibile.

Da FFF Civitanova, Fabriano, Jesi, Fano, Pesaro, Macerata, Senigallia e Urbino








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2019 alle 16:29 sul giornale del 30 novembre 2019 - 181 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, jesi, macerata, giovani, senigallia, ancona, pesaro, fabriano, civitanova, black friday, climate strike, fridays for future, sciopero globale per il clima, Block Friday

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdst





logoEV