Il Rotary club premia gli alunni piú meritevoli con la consegna della “Borse di Studio Abramo Galassi”

4' di lettura 14/12/2019 - Ottava edizione di consegna della “Borse di Studio Abramo Galassi” istituite dal Rotary Club Fabriano nell’anno 2012-2013 e co-finanziate dalla famiglia Galassi. “Il nostro obiettivo” ha commentato la presidente del Rotary, Patrizia Salari, nel corso della cerimonia di assegnazione del riconoscimento “è dimostrare la vicinanza del Club ai migliori studenti dell’anno scolastico appena terminato che hanno deciso di continuare gli studi a livello universitario.

Ad insindacabile giudizio del collegio dei docenti vengono scelti i ragazzi da premiare, uno per ciascuna scuola media superiore fabrianese – e ancora - la Fondazione Rotary sponsorizza e finanzia uno dei più estesi programmi di borse di studio del mondo che possono essere erogate direttamente dai club, da qui la compartecipazione al progetto del prof. Abramo Galassi. Socio Rotariano che volle le borse di studio, sollecitando però la sua famiglia nel continuare a sostenere questa sua volontà anche dopo la morte.

Un uomo, ingegnere, che ha inventato il polo industriale delle cappe a Fabriano ponendosi alla guida di un’azienda con filiali presenti in tutto il mondo e titoli onorifici che si era conquistato con la sua incessante attività compresa una laurea in ingegneria Honoris causa. Ma Galassi – ha chiosato la Salari – preferiva essere chiamato, Professore, in quanto insegnante di chimica all’ITIS di Fabriano e la cultura, la scuola, la didattica, erano le sue passioni. È stato oltre che grande imprenditore un importante mecenate e a Fabriano la sua presenza è ancora ben presente in alcune strumentazioni ospedaliere, in donazioni di ambulanze e la stessa chiesina dell’ospedale.

Persona gentile, colta e capace, diceva che il legame tra l'azienda che produce ricchezza e il territorio, è imprescindibile per far crescere culturalmente e socialmente un paese: il testamento più bello che lascia a questa città. Tutto questo – ha sottolineato la presidente - per dirvi che dovete essere fieri di aver ottenuto tale riconoscimento e orgogliosi del lavoro che avete fatto in questi anni di scuola, il nostro augurio è che continuiate ad impegnarvi e raccogliere risultati positivi.” Come detto ad insindacabile giudizio del collegio dei docenti vengono scelti i ragazzi da premiare, uno per ciascuna scuola media superiore fabrianese.

Quest’anno gratificati, alla presenza dei familiari e dei dirigenti scolastici dei singoli presso, questi studenti segnalati dalle scuole dell’Istituto Tecnico Agrario “ Vivarelli”: Federico Orfei; Istituto Tecnico Commerciale “Morea”: Arianna Pelomoro; Istituto Tecnico Industriale “Merloni”: Michele Kaculi; Liceo Classico” Stelluti”: Federica Crescia; Liceo Artistico ”Mannucci”: Ruben Gagliardini; Liceo Scientifico ”Volterra”: Marini Francesco; Istituto Professionale” Miliani”: nessuno studente che si è diplomato quest’anno sta proseguendo gli studi.”

Come di consueto nel corso della serata, al termine della consegna degli attesati, hanno portato la loro testimonianza due ragazzi premiati nelle precedenti edizioni, proseguendo poi con successo i loro studi e la laurea: Mario Esposito premiato nel 15-16 e laureato in Economia ad Ancona e Nicola Dell’Osso premiato nel 16-17 e laureato in ingegneria a Bologna. “Inseguire il proprio sogno, distinguendosi in questa ricerca. Sempre avanti per raggiungere la meta. Studio, esperienza, saper lavorare in gruppo e perseveranza” i messaggi mandati da Esposito e Dell’Osso, ai giovani premiati.

La presidente del Rotary, Patrizia Salari, nel proseguo dell’incontro ha poi posto in risalto: “Il Rotary International è sorto a Chicago nel 1905; Il primo Rotary Club fu fondato a Chicago dall'avvocato Paul P. Harris; il 23 febbraio1905 vi tenne la prima riunione con 3 amici. Da allora i club sono diventati 35.678 e i soci 1.195.107 con una percentuale di crescita importante nei paesi in via di sviluppo a conferma della validità, della efficacia e della solidità dei principi rotariani che tali restano pur nell’evoluzione dei tempi. La nostra èun'associazione senza fini di lucro la cui missione consiste nell'aiutare i Rotariani a promuovere la pace e la comprensione internazionale attraverso il miglioramento delle condizioni sanitarie, il sostegno all'istruzione e eliminare le cause che generano la povertà. Operiamo – ha concluso - seguendo diverse vie d’azione sulla salute e uno dei programmi più noti è il progetto Polio Plus", iniziato oltre 20 anni, con la vaccinazione a livello mondiale di tutti bambini contro la poliomielite. Ci sono poi gli altri progetti relativi ai Programmi Educativi allo Scambio Giovani, che riconosce l'importanza di dare voce e potere a giovani e giovani professionisti attraverso programmi di sviluppo delle doti di leadership come Rotaract, Interact, RYLA (Rotary Youth Leadership Awards) e Scambio giovani del Rotary.”








Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2019 alle 12:49 sul giornale del 16 dicembre 2019 - 674 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, fabriano, articolo





logoEV