“Festa degli Auguri” al Rotary Club

2' di lettura 22/12/2019 - Successo garantito per la “Festa degli Auguri” del Rotary Club di Fabriano che ha trasformato in “Festa” della solidarietà la tradizionale conviviale natalizia, tenuta all’Hotel Janus, per raccogliere fondi destinati a finanziare una attività di servizio in un paese a maggior emergenza umanitaria.

“Lasciamo l’impronta per i bambini del Perù” è il nome dell’ennesimo progetto organizzato insieme ad altri corregionali, dal poliziotto fabrianese Raniero Zuccaro che si è trasferito nel deserto del Sahara per la cento chilometri a piedi. Ultima impresa dell’Ispettore di Polizia, sempre centrata sul sostegno alla missione nel paese sudamericano delle Suore cappuccine di Madre Rubalto che assistono i piccoli e non solo, più sfortunati. Un’esperienza emozionante e toccante: cento chilometri a piedi dall’oasi di Ksar Ghilane all’oasi di Douz; un percorso avventura per runners e walkers sulle dune del Sahara durato 6 giorni e 5 notti, raccontato dall’agente Zuccaro, che è stato presentato ai tantissimi soci e famiglie del Club partecipanti al service, dalla presidente del Rotary Club di Fabriano, Patrizia Salari.

Questa ultima, dopo aver fatto conoscere nel corso della rituale cerimonia il nuovo Socio: Enrico Cimarra, ha commentato “Un’altro ponte di solidarietà, priorità per il Rotary Club di Fabriano, che da sempre concentra l'attenzione sulle persone in difficoltà e in questo caso su una Comunità, in Perù, che abbiamo scoperto grazie al nostro benemerito concittadino”. Sei giorni e cinque notti, come detto, trascorsi nel deserto da Zuccaro, insieme ad oltre trenta runners provenienti da Fabriano, Cingoli, Fano, Marotta, Senigallia e tante altre città d’Italia, trascorsi tra il caldo torrido del mattino al freddo della sera, dalla fatica al mal di piedi, dalle tempeste di sabbia a tutte le altre difficoltà e rischi che si sono incontrate nei cento chilometri a piedi dall’oasi di Ksar Ghilane all’oasi di Douz.

Nonostante tutto questo nulla ha fermato i partecipanti dal raggiungere il traguardo della solidarietà: trovare i fondi necessari per mettere in funzione un laboratorio di sartoria per la casa famiglia nel villaggio di Pucallpa, e quindi garantire la sopravvivenza alle ragazze-madri che abitano in questi luoghi.” Piace concludere con le parole di Raniero Zuccaro «Ancora una volta, come le precedenti imprese hanno dimostrato non siamo di fronte a uno sforzo agonistico fine a se stesso, ma ad un atto di solidarietà, concreto e necessario, con la speranza che si propaghi all’infinito raggiungendo il cuore delle persone e anche in questo caso, grazie al Rotary, ci siamo riusciti”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-12-2019 alle 21:33 sul giornale del 23 dicembre 2019 - 249 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, fabriano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bepq





logoEV