Bilancio 2019 per la Croce Azzurra, il Presidente Costantini: "Questa politica sulla Sanità crea forte disagio ai malati"

4' di lettura 23/01/2020 - Sono tanti i servizi svolti nel 2019 dalla Croce Azzurra di Fabriano e per questo ci sembra utile dividerli per tipologia. Trasporti sanitari, ossia, visite, dimissioni ed altre prestazioni effettuate per conto Asur: 1967. 287 i servizi territoriali di emergenza 118. I trasporti privati: 1503. Altri servizi, come manifestazioni sportive e altro: 189. In totale le prestazioni svolta dalla Croce Azzurra sono 4432 equivalenti a 192.626 km percorsi dal suo parco macchine.

La benemerita Associazione cittadina, nel corso della sua fervente attività del 2019 ha provveduto anche a rinnovare il Consiglio Direttivo designando come presidente, Aldo Costantini; vice presidente, Vincenzo Scatolini; Cola Maurizio Cola, segretario; Loretta Tonini, Tesoriere; Maria Paola Bartocci, responsabile formazione; Giuseppe Calamici, responsabile del materiale sanitario; Marco Merloni, responsabile attività 118 e gruppo giovani.

Primo atto del rinnovato Consiglio Direttivo della Croce Azzurra l’inaugurazione del defibrillatore donato al Comune di Fabriano installato dinnanzi alla Fontana Sturinalto, sotto il palazzo Vescovile, mentre nell’ottobre del 2018, presidente Maurizio Cola, ha inaugurato una nuova Ambulanza per il Soccorso di categoria A- ALS. Si tratta di un Volkswagen T6 4x4 di ultima generazione che andrà a rinnovare il parco automezzi aggiungendosi ad altre 2 Ambulanze di Soccorso, 5 Ambulanze da trasporto, 3 pulmini per trasporto disabili, 3 auto 4x4, unauto per trasporto organi e plasma ed un infermeria mobile.

“Proprio grazie ai numerosi servizi di trasporto sanitario svolti dai nostri Volontari della Croce Azzurra – evidenzia Costantini - nei confronti di persone malate della Città di Fabriano e del comprensorio che possiamo ottenere rimborsi da parte dell'Azienda Sanitaria che, aggiunti ai contributi ricevuti per servizi privati, ci hanno consentito l'acquisto di questa Nuova Ambulanza. Durante l’anno 2019 – ci risponde il presidente - abbiamo inaugurato un nuovo pulmino per il trasporto disabili con relative attrezzature di sicurezza e con sollevatore elettrico per il trasporto delle carrozzine.

Nel mese di ottobre abbiamo realizzato il 29° Corso di primo soccorso rivolto alla cittadinanza, completamente gratuito, con un folto gruppo di persone e studenti delle scuole superiori, per un totale di 60 partecipanti di cui 29 sono rimasti come volontari attivi superando il percorso formativo teorico-pratico con relativo esame finale. Nel mese di giugno abbiamo istallato in piazza del Comune una teca con alloggiato all’interno un defibrillatore D.A.E. per adulti e con l’attivatore pediatrico per il trattamento di un infante o di un bambino con peso inferiore a 25 kg., o di età inferiore ad 8 anni. Tale apparecchiatura è stata donata al Comune di Fabriano, il quale dovrà provvedere all’ordinaria manutenzione, con il cambio della batteria e degli elettrodi nell’approssimarsi della loro scadenza.

Nel mese di febbraio 2020, tramite un corso di formazione verranno abilitati all’uso di tale apparecchiatura, i componenti del corpo dei Vigili Urbani di Fabriano, i quali potranno, in caso di necessità, intervenire, essendo loro stessi più presenti durante i giorni lavorativi e festivi. Tale iniziativa verrà quanto prima estesa ai vari commercianti del centro storico. Con questa iniziativa, realizzata dalla Croce Azzurra e non solo, crediamo di avere dato un’immagine importante per la nostra città, così da poter contribuire, in caso di un malore o di un arresto cardiaco, a salvare una vita umana.

Come cittadini e come associazione – commenta Costantini in chiusura di questo nostro incontro - siamo fortemente consapevoli del progressivo smantellamento di diverse strutture ospedaliere in ambito regionale ed in modo particolare tutte quelle branche che vedono coinvolto il nostro ospedale rendendo sempre più precaria l’offerta dei servizi e portando alla cancellazione delle eccellenze del nostro ospedale che fino a poco tempo fa funzionava in modo ottimale. Questa politica oltre a creare forte disagio ai malati, che devono affrontare trasferimenti per sottoporsi ad esami diagnostici ed interventi, crea molta incertezza alle associazioni. Incerta è la programmazione del futuro prossimo dell’associazione, in questa situazione non è possibile pensare al rinnovo del parco automezzi o all’acquisto di nuove attrezzature di recente innovazione o di quant’altro necessario per mantenere un efficiente servizio.”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2020 alle 09:52 sul giornale del 24 gennaio 2020 - 742 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, fabriano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfob





logoEV