Sassoferrato: rappresentazione teatrale per ricordare le vittime della Shoa", appuntamento sabato 8 febbraio

2' di lettura 29/01/2020 - Una rappresentazione teatrale per commemorare le vittime della Shoah. L’iniziativa è stata assunta congiuntamente dall’Associazione culturale “Aes Dana” e dal Comune di Sassoferrato in occasione della ricorrenza del “Giorno della Memoria”, istituito dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per ricordare lo sterminio di milioni di ebrei e di persone ritenute “indesiderabili” o “inferiori” da parte delle autorità della Germania nazista e dei loro alleati.

La rappresentazione, il cui ingresso al pubblico è gratuito, si terrà al Teatro del Sentino sabato 8 febbraio, alle ore 21,00. Protagonista dell’evento il Gruppo studio di arte teatrale “Beyond”, che porterà in scena lo spettacolo dal titolo “1945”, la cui regia e l’adattamento teatrale sono firmati da Nadia Formica. Sette, i giovani attori che compongono il cast: Alessandro Lutchenko, Camilla Boggi, Edward Perilli, Evelyn Puliti, Flavia Quartucci, Ludovica Mirenghi ed Emanuele Mugianesi.

«Essere adolescenti - si legge nelle note di regia - non vuol dire subire il travaglio del tempo contemporaneo. In qualsiasi epoca le giovani generazioni si sono fatte portavoce delle ingiustizie e delle sofferenze che il potere causa e causava. Oggi, i giovani possono sembrare sopiti, distaccati dalle vicende della politica e di ciò che accade nel mondo. Ma così non è, tutt’altro, e ancora una volta eccoli farsi testimoni e portavoce di ciò che è stato e che rischia di essere ancora perché la libertà e la democrazia vanno difese ogni giorno». A tale riguardo, Stefano Murru, presidente dell’Associazione culturale “Aes Dana”, sottolinea: «Questi ragazzi del Gruppo “Beyond”, con dedizione e coraggio, tramite la loro grande passione teatrale hanno fatto proprie le testimonianze che sono riusciti a reperire di quei crudeli anni della Seconda guerra mondiale, le hanno tradotte in nuovi personaggi e, con l’aiuto della regista Nadia Formica, sono riusciti a dar vita allo spettacolo “1945”.

Una rappresentazione nella quale si avvicendano e si mescolano ricordi, riflessioni, lacrime amare. Lacrime che non cancellano l’orrore, ma che - è proprio questa la speranza dei sette giovani protagonisti - possono essere asciugate da un’alba migliore se gli uomini avranno l’intelligenza e la perseveranza di non dimenticare ciò che il passato ci ha insegnato». Concetto, questo, espresso anche dal sindaco Maurizio Greci, secondo cui «conservare la memoria di un evento così tragico, soprattutto in un momento, come quello attuale, nel quale riaffiorano qua e là inaccettabili sentimenti di antisemitismo e di intolleranza razziale, è un dovere morale di ogni persona. Ed è compito delle istituzioni tenere sempre alta l’attenzione su un tema così importate e adoperarsi per sensibilizzare i cittadini al rispetto dei fondamentali valori che caratterizzano ogni società civile, ovvero democrazia, libertà, giustizia e pari dignità per ogni singolo individuo».








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2020 alle 11:50 sul giornale del 30 gennaio 2020 - 184 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, sassoferrato, Comune di Sassoferrato, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfEm





logoEV