Jesi: Mastrovincenzo in visita presso la Croce Verde

3' di lettura 03/06/2020 - La Croce Verde: "Le istituzioni, il comune ci sono stati vicini e non è così scontato". Il presidente del consiglio regionale: "Associazioni hanno fatto un gran lavoro, ora progetti e sostegno economico".

"Le istituzioni sono qui a salutarci, è una grande gratificazione per il lavoro svolto e quello attuale. Coraggio e dedizione, ciò che ci spinge ad essere in prima linea anche in questa fase delicata". Così la Croce Verde, rappresentata dal presidente Piersanti, dal segretario e da tutti i volontari attivi sul territorio, ha accolto Antonio Mastrovincenzo in visita presso la sede, mercoledì 3 giugno. Presenti anche il sindaco Massimo Bacci accompagnato dall'assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri.

Il presidente della Croce Verde Samuele Piersanti, che durante l'emergenza sanitaria si è fatto carico di gestire l'emergenza e organizzare le attività, si dice "contento di come è andata".

Il Vescovo ha dato la sua benedizione ricordando che "il mondo del volontariato ha fatto tantissimo. Un augurio e una raccomandazione a volontari e preti: "Abbiamo imparato tante cose, un periodo tragico è stato anche come una scuola. Vincere l'indifferenza, provare sofferenza per chi soffriva, aiutarsi, è stato tutto così spontaneo, ora non dobbiamo dimenticare ciò che di buono abbiamo imparato. Invochiamo lo spirito di Dio, che ci permetta di non buttar via il patrimonio acquisito".

Il sindaco Bacci ha espresso tutta la sua gratitudine per il grande impegno visto da parte di tutti, dell'assessore Quaglieri, e per la grande professionalità dei volontari. Sarà un autunno complesso, mi auguro meno difficile, e dobbiamo ricordare tutti ciò che è stato e ciò che possiamo e dobbiamo fare".

L'assessore regionale Mastrovincenzo ha ringraziato le realtà che hanno operato in questa emergenza, dalla Caritas e dalle associazioni di volontariato, un mondo che deve essere alimentato in due modi, coinvolgendo i ragazzi in progetti e sostenendolo economicamente. Tra l'altro proprio ora è stato presentato un atto già approvato in consiglio, che insieme ad altri interventi prevede 210 milioni di euro a disposizione della comunità e delle associazioni che hanno operato durante l'emergenza.

Andrea Sbaffo, presidente Anpas regionale ha ricordato l'impegno delle tante associazioni dal momento in cui è scoppiata l'epidemia. "Il Covid ha sconvolto le nostre abitudini e i nostri affetti. È stato duro da affrontare ma siamo riusciti a dare una risposta eccezionale ai sanitari insieme con i colleghi della Croce Rossa".

"Inizialmente siamo stati sorpresi nelle attività di routine così all'improvviso da subire che molti volontari fossero poi in quarantena - prosegue Sbaffo - ma siamo poi riusciti ad affrontare il nemico invisibile, supportando il servizio di Protezione civile regionale. Il sistema va protetto, perché è di elevatissima importanza, anche nello stare vicino ai cittadini".

L'Anpas ha ricordato di partecipare al bando regionale per l'assegnazione di fondi necessari per aiutare la comunità nella seconda emergenza, quella post Covid: l'emergenza sociale ed economica.

Ha partecipato all'incontro l'artista Federico Zenobi che ha eseguito all'interno della sede un murales per ricordare l'impegno in prima linea della Croce Verde contro il Covid-19.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2020 alle 18:53 sul giornale del 05 giugno 2020 - 209 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bm7n