Calcio: Fabriano Cerreto pronto per la stagione 2020-2021

7' di lettura 23/07/2020 - Si alza il sipario sulla nuova stagione del Fabriano Cerreto, che ha presentato la stagione 2020/21 con precisi obiettivi: potenziamento della collaborazione con il settore Giovanile dal quale pescare, grazie al ritorno dell’allenatore Simone Pazzaglia, nuove forze da affiancare a giocatori d’esperienza per dare corpo o sostanza alla squadra. Forti i contrasti con l’Amministrazione, numerosi le contestazioni al sindaco Santarelli.

All’incontro hanno preso parte il presidente Claudio Guidarelli, l’allenatore Simone Pazzaglia, i dirigenti del settore giovanile Fortitudo – Marco Spuri, Luigino Azzeri e Giuseppe Maraniello, presenze che hanno testimoniato una decisa determinazione nella cooperazione sempre più forte tra prima squadra e vivaio.

“Tutti vogliamo proseguire verso la direzione della crescita dei giovani” ha esordito il presidente Claudio Guidarelli “La lunga e proficua collaborazione con la Fortitudo prova gli intenti comuni considerato che insieme contiamo su più di trecento ragazzi le colonne portanti della prima squadra del futuro. Con il graditissimo ritorno di mister Simone Pazzaglia – ha sottolineato Guidarelli - con cui vorremmo portare avanti un progetto di almeno due o tre anni, ci vede impegnati nell’affrontare una stagione complessa e faticosa non solo dal punto sportivo ma anche da quello economico e quindi chiediamo alla città, anche piccoli interventi, di esserci vicina. Per quanto riguarda la squadra, avvalendoci dell’esperienza di Pazzaglia, unendo le nuove leve con giocatori d’esperienza nei diversi ruoli auspichiamo di farci valere in un campionato complesso, dove militano squadre come l’Ancona”.

Guidarelli, ha prima ringraziato per la collaborazione la società dell’Atletica Fabriano che gestisce lo stadio Aghetoni, mentre “Non riscontriamo – ha chiosato - molto interesse da parte dell’amministrazione comunale, dalle quale ci piacerebbe ricevere maggiore attenzione». Infine il presidente ha espresso soddisfazione per Gianluca Fenucci e il suo lavoro sviluppato nella passata stagione raggiungendo il importante obiettivo del Premio-Giovani. Dal suo canto, mister Simone Pazzaglia si è detto «contento di tornare a Fabriano dove tra i tanti momenti ricchi di soddisfazione tra i quali la promozione in D a giugno 2017. Oggi, parlare di obiettivi è difficile quello che invece è certo che vogliamo fare il meglio possibile in un campionato con realtà blasonate come Anconitana, Jesina e Biagio Nazzaro. Non va mai dimenticato che avremo una squadra giovane ma vogliamo renderla competitiva, puntando su giocatori del territorio e elementi che restano importanti, sebbene non più under, come il difensore Samuele Stortini”.

Alle domande dei cronisti, è stato risposto così “Il via alla preparazione avverrà intorno al 25 agosto, il mercato sta per entrare nel vivo e nel weekend sono attesi i primi annunci” conferme per Stortini, il portiere Santini, mentre non saranno più dell’organico i centrocampisti Cusimano e Tizi. Il presidente della Scuola Calcio Fortitudo, Marco Spuri, Luigino Azzeri, responsabile del settore giovanile e direttore generale, hanno ugualmente parlato di “un rapporto col Fabriano Cerreto di successo che vuol portare in alto il calcio locale e permettere ai giovani di misurarsi in campionati importanti. Responsabilità sociale e obiettivi ambiziosi, che richiederanno impegno e continuità nel tempo, sempre tenendo conto che nella scorsa stagione abbiamo raggiunto gli obiettivi prefissati: il riconoscimento da parte della federazione come “Scuola Calcio” segnale di come curiamo il settore giovanile a disposizione della prima squadra».

Hanno concluso la conferenza stampa Giuseppe Maraniello, responsabile Scuola Calcio Fortitudo “pensiamo di ripartire con le attività ad inizio settembre avvalendoci di mister qualificati con alcune conferme e altri arrivi”. Responsabili tecnici della Scuola Calcio saranno Gabrio Giacchetta e Useini Besim, mentre il responsabile tecnico del Settore Giovanile sarà Samuele Gobbi. In chiusura d’incontro il presidente Spuri ha voluto far chiarezza su diverse e pesanti controversie con l’Amministrazione: “Lungi dal voler alimentare una speciosa quanto stucchevole polemica politica tra maggioranza ed opposizione, ma come FORTITUDO ASD intendiamo replicare alle esternazioni del Sindaco Gabriele Santarelli in ordine all'uso dell'antistadio. Esternazioni il cui contenuto è purtroppo non solo errato ma anche potenzialmente lesivo dell'immagine della scrivente Associazione. Abbiamo pertanto ritenuto doveroso segnalare le numerose imprecisioni, al fine di tutelare l'Associazione stessa, nonché tutti coloro che hanno dedicato e che dedicano tuttora buona parte del proprio tempo libero per assolvere un importante ruolo sociale e per dare un contributo fattivo alla nostra comunità.

Invero, i riferimenti del primo cittadino alla cosiddetta "Società A," sono facilmente e chiaramente riconducibili, a prova di smentita, alla scrivente Fortitudo ASD, nella sua qualità di gestore prima e friitore ora dell' antistadio. In primis, palesemente infondata è l'affermazione secondo cui chi scrive avrebbe prenotato l'antistadio "....una sola ora per fare allenare fino anche ad 80, 90 ragazzini... non è corretto nel rispetto di chi secondo noi pratica lo sport in questa maniera.... ".

Ciò non risponde al vero, in quanto evidentemente il Dott. Santarelli ignora il fatto che la Fortitudo ASD, unitamente all'ASD Fabriano Cerreto, proprio quest'anno ha ottenuto dalla FIGC il riconoscimento ufficiale di Scuola Calcio. Tra le numerose linee guida da rispettare per tale accreditamento vi è che le sedute di allenamento vengano svolte in adeguati spazi e secondo i dettami tecnici indicati dalla stessa Federazione. Ora, vien da sé che è impossibile credere di poter svolgere siffatti allenamenti con 90 persone in campo. Analogamente non veritiera è l'ulteriore affermazione secondo cui la Fortitudo ASD ebbe a restituire gli impianti, detenuti sino al Marzo 2017, in condizioni "pietose".

Ciò è smentito dal verbale di restituzione, nonché dalla lettera di svincolo della fidejussione di € 45.000,00, facilmente visionabile presso il Municipio, che tutelava il Comune di Fabriano da eventuali problemi degli impianti all'atto della riconsegna. Orbene, se fosse vero quanto riportato dal primo cittadino, il Comune anziché annullare la fidejussione l'avrebbe escussa per rimettere a posto gli impianti. Per dovere di cronaca, a far data dalla restituzione degli impianti sino al febbraio 2019, detti impianti sono stati gestiti direttamente dal Comune di Fabriano. Ancora non risponde al vero l'ulteriore dichiarazione resa dal Sindaco, evidentemente mal informato, secondo cui "... in passato chi gestiva l'impianto sportivo faceva pagare a fronte di tre ore di allenamento il corrispettivo di sei ore di allenamento questo senza che fosse previsto nel regolamento comunale... ".

Ad onor del vero, la fatturazione riguardava esclusivamente le ore effettivamente impegnate dalle quattro squadre di settore giovanile (allievi, giovanissimi, esordienti e pulcini) del fruitore, e nessuna ora o frazione di essa in più, nel pieno rispetto della delibera n° 91 del 14/07/2015. Nel dettaglio, l'utilizzazione settimanale del detto impianto nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì avveniva per 2 ore dagli allievi (15,30-17,30), 1 ora e 30 dai giovanissimi (18,00-19,30) e 3 ore dai pulcini (ad eccezione del venerdì) ed esordienti (18,00-19,30), dunque per un monte ore complessivo giornaliero di. 5 ore il venerdì e 6 ore e 30 minuti il lunedì e mercoledì, ecco spiegata la fatturazione di 6 ore e 30. Peraltro, la Fortitudo non ha mai richiesto c/o imposto al fruitore di pagare una somma superiore quando i campi erano occupati da più di 40 ragazzini, ciò che avveniva, per inciso, tutti i lunedì e mercoledì allorquando si allenavano giovanissimi, esordienti e pulcini pressoché tutti insieme. Un assunto confermato dalle fatture, peraltro depositate in Comune, dai report degli allenamenti e dall'organigramma delle squadre al tempo tesserate per l'allora fruitore, disponibili ad essere visionate a semplice richiesta. Infine, si rende doveroso rettificare anche le affermazioni inerenti le cifre che la cosiddetta "Società A," avrebbe percepito annualmente dal Comune durante il periodo di gestione degli impianti. Riteniamo doveroso precisare che la Fortitudo non ha mai percepito "64.000,00 euro aggiuntivi ...",ma solo le somme annualmente dovute dall'Ente comunale in virtù della convenzione stipulata e che si rivelarono pari a circa 40.000,00 euro complessivi per la gestione di ben quattro impianti (stadio, antistadio, vecchio campo sportivo e campo di Albacina). In conclusione, seppur doveroso, l'odierna associazione si rammarica di aver consegnato ad un comunicato ufficiale l'esatta ricostruzione dei fatti oggetto di una polemica che la vede estranea per mentalità, cultura sportiva e principi fondanti quali sono quelli della Fortitudo, che per la sua estrazione cattolica e più impegnata ad unire sotto i valori dello sport anziché a dividere”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2020 alle 09:49 sul giornale del 24 luglio 2020 - 245 letture

In questo articolo si parla di sport, redazione, fabriano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/brnR