Santarelli (Consigliere regionale): "Salviamoli tutti. Curare i pazienti a domicilio con il medico affiancato dall'infermiere di famiglia"

2' di lettura 29/10/2020 - “Il Presidente Acquaroli fornisca risposte precise su come vuole affrontare la nuova ondata di contagi da Covid – 19, che nelle Marche vede numeri sempre più consistenti.

Non dimentichiamo che proprio la nostra Regione nel corso della prima fase dell’epidemia, si è dimostrata come una di quelle più virtuose su tutto il territorio nazionale ”. E’ perentorio il consigliere regionale di Rinasci Marche, Luca Santarelli, che pone al centro dell’attenzione alcune proposte, già sostenute nel corso della campagna elettorale.

Prima fra tutte la necessità di un nuovo modello territoriale, che valorizzi e recepisca l’importanza dell’apporto che possono fornire alcune figure professionali. “Gli ospedali e i pronto soccorso – evidenzia Santarelli – rischiano il collasso, quando alcuni pazienti potrebbero essere curati a domicilio, offrendo loro tutti i supporti del caso. In questo caso, però, è indispensabile che il medico venga affiancato dall’infermiere di famiglia. Un connubio determinante soprattutto nelle zone più decentrate del nostro territorio regionale, che già soffrono per la mancanza di servizi sanitari idonei”.

La proposta del consigliere regionale è quella di un infermiere

in ogni ambulatorio medico e un’indennità per tutti quelli che assistono pazienti affetti da malattie infettive, come il Covid – 19. A tutto questo aggiunge anche la possibilità per gli infermieri pubblici di esercitare la libera professione. Contestualmente richiama l’esigenza di istituire un albo regionale degli Operatori Socio Sanitari, nonché il passaggio di quest’ultimi dall’area tecnica all’area socio sanitaria, così come previsto dalla legge Lorenzin.

Santarelli non manca di sottolineare come “gli infermieri siano stati sempre in prima linea anche nei momenti più difficili, fornendo un contributo insostituibile per l’intero sistema sanitario. Il loro è stato un ruolo fondamentale anche sul versante del sociale, che deve avere priorità assoluta nel nostro agire quotidiano. Inserire a pieno titolo l’infermiere di famiglia in un circuito di sostegno nella battaglia contro il Covid – 19 vuol dire decongestionare le nostre strutture sanitarie, offrendo nuove opportunità ai pazienti che non hanno bisogno dell’ospedalizzazione. Le idee ci sono, le possibilità anche. Acquaroli incominci a lavorarci insieme alla sua Giunta”.


da Luca Santarelli
Consigliere Regionale Rinasci Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2020 alle 16:41 sul giornale del 30 ottobre 2020 - 899 letture

In questo articolo si parla di attualità, consigliere regionale, Luca Santarelli, comunicato stampa, rinasci marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bz9t





logoEV