Valorizzazione collettiva delle persone la strada per affrontare l'emergenza. Fiom: "Ora rinnovo contratto nazionale di lavoro"

2' di lettura 24/11/2020 - “La valorizzazione collettiva delle persone - ci spiega la segreteria della Fiom di Ancona - sia la strada da percorrere da tutti per affrontare l’emergenza e per uscirne insieme. Molteplici le situazioni che si verificano in ogni contesto, a maggior ragione dentro un’emergenza che va oltre le solite logiche di crisi cicliche e/o strutturali. 

Ci stiamo adattando – evidenziano - per superare le criticità che l’emergenza sanitaria ci pone davanti quotidianamente, cambiando completamente il nostro di modo di vita e, di conseguenza, il nostro modo di lavorare. Tante azioni sono state già intraprese ed altre dovranno essere decise per capire come si sopravvive all’emergenza e come si vivrà nel mondo che verrà – e ancora - la Fiom ha fin da subito lanciato l’allarme su specifiche situazioni che si sarebbero potute verificare in seguito all’introduzione degli strumenti previsti dai vari DPCM per la gestione della fase emergenziale, in maniera particolare richiamando l’attenzione sull’utilizzo della CIGO Covid, preoccupazioni che poi sembrerebbero aver trovato riscontro in comportamenti scorretti tenuti da parte di qualcuno, a fronte della linearità e correttezza dimostrata dalla stragrande maggioranza delle imprese e che ha permesso ad oggi di conservare molti posti di lavoro.

Anche nella gestione dello Smart Working, strumento fortemente incentivato dal Governo per evitare assembramenti negli uffici e diminuire gli spostamenti, siamo venuti a conoscenza di situazioni in cui è stato proposto, alle persone a fronte di un parziale utilizzo di ferie personali, permessi o addirittura si parlerebbe anche di cassaintegrazione: sembra che sia però stata richiesta prestazione lavorativa durante la fruizione di questi istituti, così come a persone che hanno chiesto di non andare in trasferta per evitare spostamenti in zone particolari, e durante la risalita della curva dei contagi, ci risulterebbero essere state applicate sanzioni disciplinari, anziché aver cercato una gestione condivisa della specifica situazione, e questo accade anche in aziende di alto profilo professionale che tanto puntano sull’immagine e sul riconoscimento delle persone – conclude la Fiom- richiamiamo tutto il mondo delle imprese al proprio ruolo di responsabilità sociale, dandosi disponibile ad individuare e condividere tutte le strade possibili per affrontare la fase insieme alle lavoratrici ed ai lavoratori, i cui sacrifici e la cui disponibilità a tutti i livelli hanno permesso alle aziende di continuare l’attività ed al Paese di restare in piedi: per questo le loro necessità devono diventare punto primario di discussione e di contrattazione in ottica di tutela collettiva, ad iniziare dal riconoscimento salariale e normativo che deve portare al rinnovo di un giusto Contratto Nazionale di Lavoro”.






Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2020 alle 15:56 sul giornale del 25 novembre 2020 - 173 letture

In questo articolo si parla di lavoro, redazione, fabriano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDfL