Lupini e Marinello (5 Stelle): “Tumori, l’emergenza COVID non può far non abbassare la guardia sulla prevenzione”

2' di lettura 29/11/2020 - Ogni anno, in Italia, sono circa 370.000 i nuovi malati di cancro: prevenzione e diagnosi precoce sono cruciali, ma l’emergenza Covid-19 ha stravolto le attività ordinarie di screening, riducendo di 1 milione e 400.000 i test effettuati nei primi 5 mesi del 2020.


Dal Parlamento ai territori, il tema è al centro dell’azione politica del Movimento 5 Stelle. Simona Lupini presenterà durante la seduta del 30 novembre del Consiglio Regionale delle Marche un’interrogazione per riportare la prevenzione dei tumori sotto i riflettori della politica marchigiana.

“La priorità è garantire che le attività di screening mantengano almeno il livello pre-Covid: il cancro, e tante altre malattie croniche, non possono aspettare la fine dell’emergenza.

Dobbiamo anche proteggere i pazienti fragili, e non è ammissibile che gli screening vengano posticipati per paura di entrare in ospedale. chiederò al Presidente Acquaroli che cosa abbia fatto e intenda fare la regione per garantire una rigorosa separazione tra le aree Covid e quelle di diagnosi.

E poi, dobbiamo pensare al futuro: nuovi investimenti, e anche un’ottica strategica. Serve un Piano Regionale di Prevenzione aggiornato, di cui non si parla da troppo tempo: a che punto siamo?”

A sostenere l’azione di Simona Lupini, arriva anche il senatore Rino Marinello, componente 5 stelle della Commissione Sanità del Senato, che ha appena approvato all’unanimità una risoluzione sul riconoscimento dei diritti e delle cure ai malati oncologici: "Da oncologi, associazioni e comitati giunge un forte allarme sul pesante calo dei trattamenti oncologici, è fondamentale, quindi, assicurare la continuità delle cure, per proteggere soprattutto i pazienti più fragili.

La Risoluzione appena approvata all'unanimità è un segnale preciso e concreto che ricorda quanto sia necessario disporre in ogni Regione di una rete oncologica che consenta il potenziamento e l'innovazione, strutturale e di processo, di cui il Servizio Sanitario Nazionale ha urgente bisogno.

Per raggiungere questo obiettivo ovviamente Governo e Parlamento faranno la loro parte, nell'ottica di una fattiva sinergia tra le istituzioni, quanto mai opportuna in un momento tanto gravoso per il nostro paese".

Tra i temi in discussione per potenziare sempre di più cure e prevenzione, il ricorso alla telemedicina, il ruolo dell’assistenza psicologica ai malati, e l’aggiornamento di un Piano Oncologico Nazionale che risale al 2013.

“La situazione sta diventando drammatica: durante il primo lockdown è stato posticipato il 30% degli screening. Il rischio di un aumento di mortalità per tumori quasi al 10% fra 5 anni” riportano la consigliera Lupini e il Senatore Marinello “Ci batteremo a tutti i livelli per garantire i diritti dei malati di cancro e delle altre patologie croniche, e per spingere il Ministero e le Regioni a investire nella cura e nella prevenzione. I pazienti trascurati oggi saranno l'emergenza di domani.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2020 alle 12:52 sul giornale del 30 novembre 2020 - 203 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, M5S, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDUj





logoEV