Il premier Conte indagato per peculato per la scorta alla propria compagna

1' di lettura 02/12/2020 - Il fascicolo aperto dalla procura di Roma (il pm Carlo Villani e l’aggiunto Paolo Ielo) è stato già trasmesso per competenza al tribunale dei ministri.

I fatti imputabili sono quelli relativi alle insistenze di una troupe della trasmissione televisiva «le Iene» che voleva da Paladino un commento su un presunto favore fatto dal governo a suo padre, albergatore romano accusato di aver intascato la tassa di soggiorno turistica senza versarla al Comune. Era il 26 ottobre e la compagna del presidente del Consiglio cercò riparo in un supermercato, fino a che la scorta non la aiutò ad d uscirne senza altri fastidi.

L’episodio è stato ricostruito in una denuncia di Fratelli d’Italia. Palazzo Chigi sostiene che dagli accertamenti svolti si è trattato di un intervento «casuale», trovandosi il supermercato a poche decine di metri dalla abitazione del premier in piazza Fontanella Borghese. Gli agenti in sostanza sarebbero accorsi per il parapiglia senza la consapevolezza che ad essere coinvolta era Paladino.






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2020 alle 11:11 sul giornale del 03 dicembre 2020 - 699 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEey