...

Quando l’amore è più forte del destino! Al Teatro del Sentino va in scena, giovedì 14 febbraio, alle ore 21,00, una rappresentazione emozionante, coinvolgente: Pesce d’Aprile. C’è grande attesa tra gli appassionati di teatro per questo spettacolo, che, come i tre precedenti della fortunata stagione di prosa sentinate, sarà all’insegna del sold-out. Pesce d’Aprile è il racconto di un grande amore: un’esperienza di vita reale, toccante, intima e straordinaria, vissuta da un uomo e da una donna, interpretati da due artisti di assoluto valore: Cesare Bocci e Tiziana Foschi.


...

“Educare a percorsi di buona mobilità”, si tratta del progetto a cura del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare volto a finanziare l’iniziativa con una quota di un milione di euro con altri settecento mila euro derivanti dagli enti partner. Cofinanziato dal “Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro” del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione Generale per il Clima e l’Energia (Decreto Ministeriale n. 208 del 20 luglio 2016), le cui azioni garantiranno la promozione ed il potenziamento della Mobilità Sostenibile nei territori interessati che, rientranti in una strategia di area vasta, produrranno indubbi e diffusi benefici all’ambiente ed alla popolazione.



...

Tutti pronti per l’appuntamento di lunedì 4 febbraio 2019, con il “Caffè Alzheimer” di Sassoferrato. Gli instancabili e puntuali organizzatori ricordano che gli incontri sono aperti a tutti non solo a chi ha problemi di memoria e ai familiari e rappresentano momenti di arricchimento, crescita e socializzazione.



...

Sarà sold-out al Teatro del Sentino anche per il terzo appuntamento della stagione di prosa! A prendersi la scena, stavolta, giovedì 31 gennaio (ore 21,00), un grande maestro del palcoscenico, artista intenso, raffinato, versatile, personaggio di rilievo nel panorama teatrale e del piccolo e grande schermo italiano: Leo Gullotta.






...


...




...

Tragedia nella notte in un'abitazione della località Aspro-Coldellanoce di Sassoferrato. Una bambina di 11 anni è morta a causa di un'intossicazione da monossido di carbonio. Il fratello di 7 anni, invece, è stata trasferito presso la camera iperbarica Adriatica di Fano, dove in questi giorni sono stati condotti anche i baby-calciatori di Matelica e una famiglia di romeni residente a Pergola.