statistiche sito

Merloni: gruppo di lavoro sulle aree di crisi

2' di lettura 16/12/2008 - Coinvolgimento deciso e forte del sistema finanziario attraverso un incontro promosso dallo stesso Ministero dello sviluppo economico con i vertici delle banche italiane; richiesta al Governo nazionale di un’azione di pressione sulla UE per accelerare l’autorizzazione ad aprire linee di credito garantite dallo Stato; richiesta di un provvedimento legislativo per la modifica della legge fallimentare; velocizzare la definizione del programma industriale da parte dei Commissari; ripresa dell’attività con la tutela dei livelli occupazionali; monitoraggio dell’indotto di piccole imprese.

Sono queste le priorità discusse e condivise durante la riunione odierna del Gruppo di lavoro sulle aree di crisi dell’A.Merloni. “E’ necessario offrire massima liquidità al sistema - ha affermato il Presidente della Regione Gian Mario Spacca - per evitare che il vincolo finanziario condizioni negativamente le possibilità di rilancio dell’A.Merloni e dell’indotto, e quindi la tutela dei lavoratori che rappresenta l’obiettivo principale. Debbono scattare subito e concretamente tutte le garanzie dello Stato collegate alla legge Marzano, anche anticipando la notifica UE e coinvolgendo il sistema bancario su scala nazionale. Tale priorità si lega alla definizione dello stesso programma industriale di rilancio, per il quale non si può ancora aspettare mesi. Serve un “colpo d’ala” per la stesura del progetto su cui avviare il confronto.


La situazione è complessa ma i lavoratori, le forze sociali, le piccole imprese dell’indotto ed il territorio hanno bisogno di garanzie e certezze in tempi brevi. Solo così anche le stesse istituzioni locali potranno tarare al meglio i propri interventi di sostegno.” Nel corso dell’incontro sono state approfondite le modalità operative attraverso cui velocizzare la concreta erogazione dei benefici finanziari della Legge Marzano, che rappresenta un’esigenza fondamentale per l’intero territorio. Nella riunione sono stati anche presentati i primi risultati del monitoraggio dell’indotto che la Regione sta compiendo per avere un quadro analitico delle criticità e delle esigenze del territorio. Per il sostegno finanziario e del reddito dei lavoratori e dell’indotto il Governo regionale ha già attivato il Fondo di solidarietà e il Fondo di ammortizzatori sociali, prevedendo specifiche priorità per il territorio dell’entroterra. Nel frattempo la Regione sta attivando altre due interventi, sempre per le stesse finalità: il Fondo europeo di globalizzazione, per il sostegno al reddito dei lavoratori, tra le primissime esperienze di una regione italiana; una linea di credito speciale e agevolata per il sostegno finanziario delle piccole imprese.


Hanno partecipato ai lavori, oltre al Presidente della Regione Gian Mario Spacca, gli Assessori della Regione Marche Ascoli e Giaccaglia; l’Assessore della Regione Umbria Giovanetti; il Commissario straordinario Rizzi; i dirigenti della Regione Emilia-Romagna; il dirigente Pepe del Ministero dello Sviluppo economico; il Vicepresidente della Provincia di Ancona Sagramola; dirigenti della Provincia di Reggio Emilia e rappresentanti degli enti locali; rappresentanti nazionali, regionali e locali di CGIL, CISL. UIL, UGL, Confindustria, Confapi, Confartigianato, CNA.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 16 dicembre 2008 - 993 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche


logoEV
logoEV