Presentata la campagna contro la deizione canina

3' di lettura 30/07/2009 - Presentata dal Sindaco Roberto Sorci e dall’Assessore all’Ambiente, Mario Paglialunga, alla presenza di Sara Saperdi dell’Isola dei Tesori, negozio che ha sponsorizzato l’iniziativa, del vice comandante dei Vigili Urbani Giancarlo Pizzi, della presidente del Circolo Valle dell’Acquarella di Lega Ambiente, Cristina Mosciatti, e di alcuni Eco Volontari, la campagna di comunicazione contro le deiezioni canine.

Molto incisivi i messaggi su cui è impostata questa nuova risoluzione dell’assessorato all’Ambiente, impegnato anche sul fronte dell’attuazione del progetto della raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.

In buona sostanza, come detto dagli interlocutori dei cronisti e ripetuto su locandine e manifesti da affiggere a Fabriano “amare gli animali significa anche rispettare l’ambiente” quindi “pulisci dove il tuo cane sporca, rispetta la città. In tutti i luoghi pubblici, strade, giardini, marciapiedi, aiuole se il cane ha fatto bisogni tocca a te raccoglierli”. Per cui, da ora in poi, i proprietari dei cani devono munirsi di paletta e raccattare le feci depositate dagli animali, procedendo all’immediata rimozione.

Ai trasgressori sarà inflitta una sanzione amministrativa pecuniaria che va da 75 a 500 euro con l’annessa facoltà degli agenti della Polizia Minicipale e delle forze dell’ordine di fare campagna preventiva, ossia possono chiedere al proprietario e conduttore del cane se è in possesso dell’apposito kit o quanto della relativa paletta con sacchetto di plastica. Il tutto sottoscritto da una ordinanza , la numero 24 del 22 aprile 2009, firmata dal primo cittadino.

Con tale provvedimento, arrivato meglio tardi che mai, dovrebbe quanto meno essere posta una forte moratoria al lamento continuo di una infinità di cittadini che in primis con noi giornalisti, lamentano l’indiscriminata e l’irrispettosa pratica di civile convivenza di abbandono dei bisogni di Fido.

“Diglielo al Sindaco che mio nipote ha rovinato un paio di scarpe per aver centrato una copiosa…” e ancora “perchè i vigili urbani non controllano questi scriteriati che infestano la città con pipì e cacca di animale”, “fatti sentire dall’amministrazione e denuncia questo brutto, puzzolento ed antigienico vezzo” sono le frasi che più e più volte mi sono state rivolte passando per parchi, giardini, marciapiedi, vie, piazze e da ultimo, sconcezza più che offensiva nei cimiteri, foto alla mano.


In definitiva una nenia senza sosta sulla assoluta necessità di superare un problema particolarmente sentito a cui gli amministratori, da oggi, hanno dato risposta concreta, visto che si va ad incidere sul loro portafoglio e ci si impegna grazie all’Isola dei Tesori, di via Bruno Buozzi, a creare punti di distribuzione del corredo necessario all’attuazione della buona pratica atta a favorire la sana e giusta convivenza nel rispetto dell’ambiente e della vivibilità urbana.


Importante rilevare

“Questa ordinanza” hanno evidenziato Sindaco ed assessore “sostituisce la precedente modificandone completamente lo spirito. Si parte dalla sensibilizzazione, dal dialogo, dalla richiesta di collaborazione e si arriva alle sanzioni per far rispettare questa norma o meglio ancora un comportamento consono che non è certo contro gli animali visto che per il mantenimento dei cani abbandonati il Comune spende ogni anno 200.000 euro”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2009 alle 19:38 sul giornale del 30 luglio 2009 - 1297 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, Comune di Fabriano





logoEV