Prima conferenza dei sindaci della CM dopo le elezioni

4' di lettura 30/07/2009 - Prima Conferenza dei Sindaci della CM dopo le elezioni comunali di Giugno.

Agli atti: acquisto terreni per il Canile comprensoriale, Studio di fattibilità tecnico economica di alcuni servizi associati approvazione del Piano Energetico Ambientale Superamento del digital divide: interventi nelle frazioni in particolare Prima Conferenza dei Sindaci della CM dopo le elezioni comunali di Giugno alla presenza di 9 Sindaci su 10.



Primo argomento affrontato dal Presidente-Commissario, Fabrizio Giuliani, quello di fare il punto della situazione sia sul piano Istituzionale che Amministrativo. “Sul piano Istituzionale” sono parole di quest’ultimo “ho illustrato il disegno di legge cosiddetto Calderoli che modifica, in negativo, lo status delle amministrazioni locali con un aumento centralistico dei controlli e una demagogica diminuzione degli Organi Istituzionali che avranno la conseguenza di un ridicolo risparmio economico, se paragonato agli stipendi dei ministri. come l’on. Calderoli, ed un certo restringimento della democrazia diretta. Un decreto – commenta Giuliani - che doveva chiudere tutto, Province, Comunità Montane, Comuni piccoli, Consorzi di Bonifica, Parchi Nazionali e Regionali e… alla fine se la prende solo con i più deboli: Comunità Montane e Consorzi tra Comuni. La montagna ha partorito il topolino!” Il Presidente Commissario ha altresì informato sullo stato d’attuazione della LR18/2008 che sarà presto modificata dal Consiglio Regionale, in particolare ha esposto in merito al lavoro da Lui svolto nel Consiglio delle autonomie Locali per conto dell’UNCEM, fino al suo intervento in Consiglio Regionale il 14 luglio scorso.



In sintesi la relazione svolta da Giuliani s’è incentrata sulla “richiesta ai Comuni di fare della CM un loro strumento utile partendo dalla costruzione di una nuova governeance pubblica locale che consolidi il ruolo dell’Ente Montano come Agenzia di Sviluppo del Territorio che effettua anche servizi per conto dei Comuni soci. Ciò – ha sottolineato - in considerazione del fatto che il nuovo, e necessario, modello di sviluppo green che si sta imponendo, richiede, a tutti i livelli, una seria riflessione sulle opportunità generali offerte dalla montagna, che da aree marginali possono diventare centrali per individuare nuovi spazi di opportunità. La nuova CM – ha insistito - sempre meno distributrice di risorse pubbliche, sempre più attrattrice/creatrice di risorse, promotrice d’innovazione, imprenditorialità e crescita degli investimenti. In altre parole una CM che sostenga i Comuni nello sforo di rendere adeguata la Politica ed aumentare l’efficienza e l’efficacia della pubblica Amministrazione ed allo stesso tempo contribuisca alla diversificazione dell’economia attraverso il potenziamento dei settori del turismo, commercio, servizi, agricoltura specializzata”. Al riguardo il vertice della CM ha annunciato che a breve sarà sottoscritto un Patto agro ambientale d’area. Ciò – ha aggiunto - sarà quanto mai necessario già dal prossimo autunno bollente sul piano economico-occupazionale che aspetta il territorio. Ma se vogliamo che lo sviluppo sia anche progresso ci vuole un approccio integrato tra sostenibilità ambientale, coesione sociale, equità sociale e sviluppo economico, e per questo la nostra CM, anche in quanto ente gestore del Parco Gola della Rossa e Frasassi, ha le carte in regole”.



Da tali premesse il Presidente Commissario è passato ad occuparsi dello stato d’attuazione d’alcuni progetti comprensoriali invitando i nuovi Sindaci a prenderne conoscenza e, a tutti, di dare le indicazioni agli Uffici comunali interessati affinchè portino il loro indispensabile contributo. “Nell’arco di poco tempo” ha fatto sapere “si provvederà all’acquisto del terreno dall’ASUR per poter procedere alla costruzione del Canile comprensoriale entro la prossima primavera”. Ancora “alla conclusione del lavoro per portare l’attività amministrativa dei Comuni agli alti livelli di efficienza ed efficacia così come la società, ed il mondo imprenditoriale in particolare, richiedono. Prevista anche la presentazione dello studio di fattibilità tecnico economica di alcuni servizi associati e l’approvazione del Piano Energetico Ambientale Comprensoriale con la contestuale istituzione dell’Ufficio Energia al servizio dei Comuni e dei cittadini Inoltre – ha concluso - continua l’impegno, l’attenzione e la collaborazione con la Regione Marche per il superamento del digital divide in tutto il territorio Internet per tutti.



Infatti, è stata recentemente approvata la delibera di Giunta Regionale n.900 del 1 giugno 2009 nella quale sono previsti interventi a Fabriano (località Cancelli, Melano e San Giovanni); Sassoferrato (Cabernardi e Monterosso Stazione); Arcevia (Maestà e Montefiore); Serra San Quirico (Castellaro); Genga”. Estremamente positivo il giudizio di Giuliani sull’esito dell’incontro “Clima positivo, cordiale, tra tutti i Sindaci. Volontà di collaborare. Voglia di contare. Forse un nuovo inizio per un territorio che vuole esserci”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2009 alle 16:46 sul giornale del 30 luglio 2009 - 784 letture

In questo articolo si parla di comunità montana esino frasassi





logoEV