Sassoferrato: rassegna Internazionale d’Arte \'G.B.Salvi\', successo di pubblico e mediatico

bruno d\'arcevia 1' di lettura 14/08/2009 - La Rassegna Salvi di Sassoferrato continua a coinvolgere, anche il pubblico turistico dal mare, anche grazie all’orario continuato che va dalle ore 17 alle 21, come tradizione.

Aperto quindi anche il giorno di ferragosto e tutti gli altri giorni, compresi i festivi fino alla fine di agosto. Successo, oltre che di visitatori, anche mediatico, perché la rassegna ha registrato un record di accessi nei siti web dedicati all’arte e nei social network, soprattutto per la presenza di Giuliano Vangi la cui notorietà può certamente definirsi mondiale.


Indubbia la potenza e il fascino della sua scultura monumentale “C’era una volta”. L’impatto emotivo è di indubbia presa anche per la sapiente collocazione in un ampio e muto spazio bianco che dilaga in un’intera ala del Palazzo della Pretura. In tanti quindi per vedere questa opera di un grande del Novecento ed anche un’occasione rara per la nostra regione.


Ma accanto a Vangi anche Bruno d’Arcevia che rivisita Giovanni Salvi, il figlio più illustre di Sassoferrato, (in occasione del quarto centenario dalla sua nascita), con il suo segno armonioso e bellissimo, denso di intensità e di colore. I suoi caldi gialli e rossi, le sue figure femminili dense e piene e nel contempo leggere e veloci: tutto invita a godere una sosta e un ristoro nella modernità.


Bruno d’Arcevia raccoglie e ripropone la tradizione con un incedere raffinato ed elegante, narrando vicende e personaggi del passato. Una contemporaneità storicizzata ma per questo non meno attuale.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-08-2009 alle 16:03 sul giornale del 14 agosto 2009 - 1363 letture

In questo articolo si parla di attualità, sassoferrato, Comune di Sassoferrato, bruno d\'arcevia





logoEV