Scuola: slittano le nomine annuali dei precari

insegnante 1' di lettura 25/08/2009 - Il lavoro non è più un diritto inalienabile per il Provveditorato agli studi di Ancona.

Ogni anno assistiamo inermi al calvario delle nomine per le supplenze annuali, ammassati come deportati, subendo ogni forma di disservizio e di disagio legati alla mala organizzazione di queste operazioni.


Non era mai capitato però negli ultimi tempi che le assunzioni a tempo determinato della scuola superiore, che per decreto ministeriale dovrebbero svolgersi entro il 31 agosto, slittassero sino a settembre inoltrato, comportando per ogni giorno di ritardo la decurtazione dello stipendio della prima mensilità. Tale ritardo , questa è la giustificazione, sarebbe da imputare all’esigenza di adempiere prima alle 4 (quattro) nomine a tempo indeterminato previste per quest’anno (!).


Ciò ovviamente nel silenzio complice dei sindacati della scuola sempre pronti ad abbaiare contro lo scarso numero d’assunzioni in ruolo del governo ma senza mai “mordere” per non rischiare di perdere i benefici derivanti dalle loro piccole posizioni di potere e per poter utilizzare il precariato come arma di ricatto nelle trattative. Nei prossimi giorni faremo sentire la nostra voce, con manifestazioni di protesta e sollecitando interventi dalle “più alte sfere” di questo nostro disastrato mondo della pubblica (dis)istruzione.



ASSOCIAZIONE DISOCCUPATI E PRECARI DELLA SCUOLA PROV. ANCONA

MOVIMENTO INTERREGIONALE INSEGNANTI PRECARI






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-08-2009 alle 19:55 sul giornale del 25 agosto 2009 - 1026 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, Adpa e Miip


...oltre alla decurtazione dello stipendio, che non è cosa da poco! bisogna considerare altri disagi. Per esempio una madre con dei figli come fa a gestire questa totale precarietà umana? Sapere il giorno prima se il giorno dopo lavora o meno è davvero un grosso problema: dove lascia i figli? Che fa paga la baby sitter e magari poi scopre che per lei quest\'anno non c\'è posto (e quindi che se ne fa di una baby sitter?) o aspetta di avere l\'incarico con il rischio di trovarsi senza nessuno che le guardi i bambini? Idem per chi ha un genitore non autosufficiente ecc. Se potesse sapere a metà agosto se il 1* di settembre lavora o no potrebbe organizzarsi un po\' meglio!<br />
<br />
E anche gli stessi impiegati del Provveditorato: se potessero definire le nomine già entro luglio si eviterebbero di lavorare come matti ad agosto e avrebbero più tempo per correggere eventuali errori che capitano sempre!<br />
<br />
Bisognerebbe chiedere al Provveditorato (o al Ministero? non so come funziona) il motivo di questa disorganizzazione!