La Comunità Montana incontra la Regione

Fabrizio Giuliani 3' di lettura 23/09/2009 - Stimare e determinare con cura nodi e potenzialità del territorio, muovendo da una fase di approfondimento e confronto istituzionale sulla situazione dei servizi (quelli scolastici in particolare) in vista del riordino delle C. M.

In base a questa impostazione progettuale prosegue il “Viaggio nelle Marche montane” che l’Assessore regionale agli Enti locali e Istruzione, Stefania Benfatti, sta compiendo e che si protrarrà fino al mese di ottobre. Tra le tappe in provincia di Ancona, quella con la Comunità Montana dell’Esino Frasassi, cui hanno partecipato i Sindaci di Rosora, Serra San Quirico, Genga, Sassoferrato, Arcevia, Cerreto d’Esi e gli Assessori di Staffolo, Cupramontana, Fabriano e naturalmente il presidente commissario Fabrizio Giuliani. Quest’ultimo ha formulato una lunga e dettagliata dissertazione che è partita “dalla gelata dell’economia mondiale partita nel 2008” ed è arrivata “ai vecchi ritardi e note inefficienze nel nostro paese” approdando poi al concetto basilare “del territorio governato da istituzioni che nascono dal basso, perché solo così si sapranno governare i processi che tra le priorità vedono innanzi tutto la produzione, risparmio, organizzazione di risorse rare: aria, acqua, suolo. La produzione di energia da fonti rinnovabili: biomasse, idroelettrico, eolico, solare, fotovoltaico, Cattura delle CO2.

Aree climaticamente sempre più privilegiate dato il surriscaldamento e inquinamento che poi sono le risorse strategiche dell’Italia dei prossimi cinquanta anni. Importanti obbiettivi - ha rilevato ancora Giuliani - essenziali nel futuro Glocal: innesco di processi reali di produzione di reddito e occupazione locale, sostenibilità del modello di crescita globale”. Dunque temi strategici per l’area montana sui quali hanno concordato gli intervenuti ed in particolare l’Assessore, Benatti. Il presidente commissario ha insistito su questioni centrali interni al dibattito della riorganizzazione delle Comunità Montane, considerate le deleghe dell’Assessore regionale, ossia quello del dimensionamento scolastico che interesserà gli Enti locali già dal prossimo anno scolastico. Al riguardo è intervenuto l’Assessore, Quercetti, delineando il quadro provinciale delle problematiche degli Istituti superiori con particolare riguardo alla situazione di Fabriano”.

L’Assessore all’Istruzione del Comune di Fabriano, Sonia Ruggeri, si è invece fatta carico delle varie problematiche sollevate dagli Amministratori presenti anche in relazione alla possibile soppressione di plessi decentrati dei vari Istituti comprensivi presenti sul territorio, proponendo la costituzione di un tavolo comune tra C.M. e le Amministrazioni Comunali. Proposta accettata da tutti nello spirito dell’intervento iniziale del Presidente Giuliani “non esistono problemi singoli, di questo o quel Comune – ha detto - ma l’incognità e l’incertezza di una collettività intera che deve e vuole affrontarli insieme – auspicando infine - il massimo degli sforzi da parte di tutti per dare ai nostri bambini e ragazzi il meglio possibile in materia educativa, ha però ammonito tutti a non fungere da “supplenti” ad uno Stato che per colpa di sciagurate scelte governative si sta progressivamente disfacendo della scuola pubblica facendola diventare solo ed esclusivamente una questione economica, anche perché, se non ci sarà un’inversione di tendenza, ci sarà un momento in cui, nonostante tutta la buona volontà degli Amministratori locali di qualunque “colore”, non si riusciranno a coprire le vistose crepe aperte”.

Valutazione unanime al termine dell’incontro sensazione conclusiva di tutti è stata “aver partecipato ad un confronto che potrebbe rappresentare un nuovo inizio per il territorio della Comunità Montana anconetana”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-09-2009 alle 13:50 sul giornale del 23 settembre 2009 - 1235 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunità montana esino frasassi, fabrizio giuiani





logoEV