statistiche sito

Successo per 'Bartolomeo Barbarino' ne 'Le musiche le Ali'

orchestra barbarino 3' di lettura 29/03/2010 -

La rilevante iniziativa, per conto della Provincia, è iniziata nel 2009 con un monitoraggio realizzato dall’Istituto Musicale Pareggiato “Pergolesi” di Ancona, con ben undici delle più rappresentative scuole di musica della provincia prese in esame: tra queste il plesso fabrianese “Bartolomeo Barbarino”.





Realtà che è stata protagonista del progetto culturale “Le musiche le Ali”. In questo contesto la “Barbarino” non solo hanno partecipato al lavoro preparatorio e progettuale ma è riuscita a rendere protagonisti i propri allievi negli spettacoli pubblici in cartellone.


La portata dell’evento meglio si comprende se si guarda ai dati del monitoraggio, analizzati e discussi da ogni singola scuola con all’Assessore alla cultura della Provincia Pesaresi. Cifre che hanno evidenziato come gli studenti di musica nella Provincia di Ancona superano le 2000 unità, per altro non includendo le pur numerose presenze associative minori. Numeri, che pongono pertanto le scuole civiche di musica come risposta ad una forte esigenza della popolazione marchigiana, in gran parte giovane, e nel contempo offrono un importante opportunità di lavoro per circa 200 professionisti della musica, artisti e concertisti che attraverso la didattica esprimono la loro competenza e un positivo esempio di impegno nella vita culturale.


Inoltre, il ruolo di queste scuole è particolarmente importante perché offre l’educazione musicale in modo diffuso e capillare nel territorio riservando attenzione ad una fascia di utenti come i bambini che la recente riforma dei conservatori e l’istituzione dei licei musicali non contempla. Definito il contesto generale resta molto più semplice parlare del programma “Le musiche le ali”, ideato e coordinato dal maestro Riccardo Graciotti, direttore dell’ Istituto Pareggiato “Pergolesi” con la collaborazione di Annalisa Pavoni, fautori delle messa in rete delle le scuole di musica con incontri e riunioni fissate sulla base di un fitto calendario di spettacoli a partire dallo scorso Ottobre 2009 ed ancora in corso.


“Doppi concerti” ci spiegano i fratelli Sbaffi, Francesco e Lorenzo “realizzati al mattino per gli studenti delle scuole ed alla sera per il pubblico cittadino che hanno assicurato una bella esperienza per gli allievi in una sorta di gemellaggio continuo tra le scuole e le diverse città interessate. I ragazzi della Barbarino – sottolineano - hanno partecipato a vari appuntamenti a partire dal Teatro Cortesi di Sirolo fino al nostro “Gentile”, sempre esibendosi con impegno e serietà e riscuotendo numerosi apprezzamenti. Questo lavoro ha consentito anche di far nascere tra gli allievi piccole formazioni da camera, duo e trio, e rendere così l’esperienza ancora più bella e formativa”.


In conclusione “Il piano di lavoro e le relazioni intessute con le altre realtà della provincia hanno rappresentato uno stimolo di crescita per la Scuola Barbarino” che si avvale della collaborazione di ben dodici insegnanti, tutti professori diplomati in Conservatorio, per la prosecuzione dell’attività didattica-formativa, attività continuativa sempre in crescita grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.


   

da Daniele Gattucci





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2010 alle 10:57 sul giornale del 30 marzo 2010 - 760 letture

In questo articolo si parla di cultura, orchestra, Daniele Gattucci, barbarino


logoEV
logoEV