Gestione rifiuti, PD: 'Soddisfazione per l'approvazione dell'atto di indirizzo'

Partito Democratico 3' di lettura 23/11/2011 -

Nel corso degli ultimi anni quello della gestione integrata del ciclo dei rifiuti è divenuto tema di forte rilevanza pubblica e di forte impatto ambientale. A tal proposito il PD della provincia di Ancona sin dal 2009 ha costituito un gruppo di lavoro tematico che ha discusso, insieme ai propri amministratori, il tema della gestione del ciclo integrato dei rifiuti, consapevoli che i cittadini si attendono da noi parole chiare, scelte coraggiose e assunzione di responsabilità.



La realizzazione di tale percorso ha difatti agevolato e portato all'approvazione da parte del Consiglio provinciale dell'atto di indirizzo per la revisione del Piano provinciale per la gestione del ciclo dei rifiuti. Rispetto all'approvazione dell'atto esprimiamo soddisfazione e apprezzamento e ringraziamo la Presidente Casagrande per la determinazione impiegata rispetto ad un atto fondamentale che riguarda, comunque, sia la gestione che lo sviluppo del territorio. Siamo consapevoli che negli ultimi anni nella nostra Provincia si sono realizzati notevoli passi in avanti nella gestione dei rifiuti urbani ed assimilabili, grazie al piano provinciale all’iniziative della Regione e dei Comuni. Era tuttavia necessario, oltre a completare i programmi previsti dalle leggi e dal Piano Provinciale, affrontare altri nodi ed obiettivi: la costruzione dell’impianto per il trattamento delle raccolte differenziate e del secco residuo, l’unificazione dei due Bacini, la necessità di qualificare ed estendere a tutto il territorio provinciale la raccolta porta a porta. Impegni ed obiettivi oltre che raggiungibili convenienti all’ambiente, al contenimento dei costi per i cittadini utenti e all’occupazione. L'atto approvato indica con puntualità le ulteriori innovazioni da realizzare e gli obiettivi da raggiungere nella prevenzione, nella raccolta, nel riciclo e nello smaltimento dei rifiuti, affinché il nostro resti anche in futuro un territorio a forte vocazione ambientale. E' un fatto rilevante che nella nostra provincia negli ultimi anni si siano chiuse tre discariche e per alcuni decenni non ne serviranno di nuove.

Contenimento della produzione dei rifiuti e più raccolta differenziata; azione ambientale e tecnologica degli impianti; riutilizzo, riciclaggio e valorizzazione energetica sono, nell'ordine, le modalità con cui gestire i rifiuti del territorio: quelli delle famiglie ma anche quelli delle imprese. Ecco, a noi pare che questa sia una programmazione forte, chiara, convincente: Impianto per il trattamento della frazione organica a Corinaldo per tutto l’ATO (già attivo e da implementare attraverso Fondi FAS), con supporto di sistemi di digestione anaerobica presso impianti idonei; impianto per tutto l’ATO a Maiolati Spontini per il trattamento della frazione residuale non riciclabile, da aggiornare dal punto di vista tecnologico affinché sia rispondente alla esigenza di minimizzare la quantità di rifiuti da conferire in discarica; impianto per tutto l’ATO ad Ancona di recupero-riciclo per valorizzare la frazione “secca” dei rifiuti da raccolta differenziata; due discariche strategiche, già localizzate a Maiolati Spontini e a Corinaldo, quest'ultima ampliata anche nel Comune di Castelleone, già in fase di progettazione. Ora ad atto approvato siamo certi che l'Amministrazione provinciale saprà rendere più brevi possibili i tempi di approvazione nel consiglio provinciale dell'atto amministrativo conseguente all'indirizzo approvato martedì.

Emanuele Lodolini, Segretario provinciale PD Ancona

Leonardo Animali, Capogruppo PD Consiglio provinciale

Paolo Raffaeli, Presidente II Commissione

Bruno Massi, Responsabile Gruppo di Lavoro PD Ambiente e Territorio






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2011 alle 18:30 sul giornale del 24 novembre 2011 - 701 letture

In questo articolo si parla di rifiuti, politica, partito democratico, pd