Mogol al Teatro Gentile con gli studenti del Morea

1' di lettura 14/03/2012 - Uno spettacolo di fine anno tutto rivolto all'amore e con un ospite d'eccezione. L'iniziativa al Teatro Gentile “(R)affiniamo gli affetti”, organizzata dagli studenti dell'Istituto superiore Morea-Vanvitelli ha come ospite di spicco il grande paroliere Mogol per un incontro/spettacolo che affronta il tema de “l'amore tra lui e lei”.

L'autore di grandi successi musicali, primi tra tutti quelli di Lucio Battisti, sale sul palco e,insieme alla psicologa e psicoterapeuta Michela Pensavalli, parla ai ragazzi dei tanti aspetti dell'innamoramento e dell'amore, della coppia e dei suoi molteplici e complessi risvolti; d'altro canto don Gabriele Trombetti spiega ai ragazzi il sacramento del matrimonio e il suo senso.

L'intero progetto è coordinato dall'insegnante di religione dei ragazzi dell'Istituto superiore, la professoressa Corvo M.Cristina. Durante lo spettacolo emerge il lavoro nato dalla collaborazione di alunni,insegnanti e cittadini con la passione per il canto, il ballo e la recitazione.

Questa iniziativa ha come sfondo una città, quella di Fabriano, in cui in questo periodo la cultura trova ampio spazio.

Al via infatti anche la quinta edizione di Poiesis, la rassegna di arte, poesia, teatro, musica e cinema ideata e diretta da Francesca Merloni e che quest'anno si avvale del riconoscimento Unesco. Il festival, che si terrà il 25, 26 e 27 maggio, verrà presentato giovedì 15 marzo alle ore 18.30 al Ridotto del Teatro Gentile dalla stessa Francesca Merloni e da Alessandro Bergonzoni.






Questo è un articolo pubblicato il 14-03-2012 alle 17:15 sul giornale del 15 marzo 2012 - 539 letture

In questo articolo si parla di cultura, fabriano, vivere fabriano, Raffaela Cesaretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wsZ





logoEV