Serra San Quirico: l'ultimo saluto a Gabriele

ambulanza 1' di lettura 19/03/2012 - Disposta l'autopsia dalla Procura per il diciottenne vittima dello schianto in superstrada. Sotto choc il gemello sopravvissuto, Michael, che viaggiava in auto con lui. Fuori pericolo l'amico, Tommaso Brega.

E' in attesa dell'autopsia il corpo di Gabriele Ruggeri, il ragazzo di diciotto anni morto in seguito al tragico incidente avvenuto nella serata di sabato 17 marzo. Fatale per il giovane il politrauma riportato nello schianto tra le auto coinvolte, cinque in totale. Gabriele è morto nell'ospedale di Jesi, dove era stato trasferito subito dopo l'incidente avvenuto lungo la superstrada all'altezza dell'uscita di Castelplanio. La camera ardente allestita alla Casa del Commiato di Pozzetto di Castelplanio; l'addio, tra martedi e mercoledi, al Santuario Cuore Immacolato di Maria a Serra San Quirico, paese in cui il ragazzo risiedeva e che in queste ore si è stretto intorno ai genitori e al fratello gemello, coinvolto anche lui nell'incidente ma rimasto illeso.

L'amico che era con loro, Tommaso Brega, sarebbe invece fuori pericolo, pur avendo riportato gravi lesioni ad una gamba. Gli agenti della polstrada starebbero vagliando l'ipotesi di una gomma forata come causa della carambola che ha coinvolto le vetture. La fiat punto sulla quale viaggiavano i ragazzi sarebbe così finita di traverso e la golf grigia che stava sopraggiungendo non ha potuto evitare lo schianto.






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2012 alle 12:29 sul giornale del 20 marzo 2012 - 701 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fabriano, vivere fabriano, soccorsi, ambulanze, Raffaela Cesaretti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wEA





logoEV