'L'utopia della città' , una mostra per riflettere sul concetto stesso di città

mostra itinerante utopia della città 3' di lettura 29/03/2012 - Verrà inaugurata sabato 31 alle ore 18 la mostra collettiva itinerante organizzata dall'associazione 'InArte' di Fabriano insieme all'Associazione 'Urbino-Arte,arte,cultura e conoscenza'. Rimarrà esposta alla Nuova Galleria delle Arti fino al 15 aprile.

“L’utopia della città” è il titolo della mostra organizzata dall’associazione “Urbino-Arte, arte, cultura e conoscenza” in collaborazione con l’Associazione “In Arte” di Fabriano; l’esposizione oltre agli urbinati propone anche artisti fabrianesi, pescaresi , eugubini e ginevrini i quali, in questa occasione si sono cimentati su un tema che, come ha scritto nella premessa alla mostra Vitaliano Angelini, presidente dell’associazione U.A., non vuol essere solo una rivisitazione di esempi rinascimentali di città ideale, ma si pone come anche quale riflessione sul concetto stesso di città. È possiblei difatti affermare -dice Angelini- con certezza che oggi assistiamo ad un rinato interesse, da parte della civiltà contemporanea e degli architetti moderni, nei confronti della città intesa come spazio intelligente e flessibile. L’ interesse per la città e il suo sviluppo, poi, lo si deve anche all’idea di centralità della città che già nel Quattrocento aveva acquistato il ruolo di perimetro e crocevia dell’agire storico dell’uomo. La proposta della mostra, però, intende essere anche la comunicazione di un percorso con cui gli artisti hanno visualizzato quel bisogno di mito che loro e tutti noi ci portiamo dentro. Gli autori presenti : Vitaliano Angelini, Omero Renato Angerame, Tiziana Bargagnati, Nello Bocci, Anne Brechbul,Leopoldo Ceccarelli, Giorgio Focarini, Giuliano Garattoni,Davide Leoni,Vilma Baiocco,Clodoveo Masciarelli, Mauro Patarchi, Nino Pieri, Claudio Schiavoni, Giulio Serafini, Otello Sisti,Gianfranco Zazzeroni, Franco Zingaretti, con le loro opere - il cui formato di cm. 50 x 160, rigorosamente uguale per tutti, che evoca, in forma ridotta, quello delle più note tavole di Urbino, Berlino e Baltimora- di là della citazione colta, vogliono richiamare l’attenzione del visitatore sul rinato interesse della civiltà contemporanea verso la città intesa , oggi, come spazio intelligente e flessibile.

La mostra della galleria……. rimarrà aperta dal 31 marzo al 13 aprile 2012 e, nella varietà delle sue proposte, stimolando a prestare particolare attenzione allo sviluppo urbano contemporaneo è molto gradevole e intelligente. E’ significativo il viaggio che questa mostra sta compiendo ed accattivanti sono i concetti che essa testimonia in relazione agli spazi, tutti quelli che la civiltà contemporanea abita: tematiche di assoluta e sentita priorità sociale. Altrettanto significativo è l’intervento della creatività degli artisti che hanno interpretato il tema evolvendo “L’Utopia della città” secondo la sensibilità di ciascuno. Non sorprende che un tema tecnicistico ed assolutamente scientifico per certi versi, sia spunto di tanta potenza cromatica e creativa, poiché tale evoluzione testimonia l’auspicio, o il prepotente suggerimento, che le città siano “vive”. La parola Utopia rimanda a progetti e a valori che hanno il fascino del divenire; visioni di spazi che speriamo non siano irraggiungibili, ma che ottimisticamente ci aiutino a migliorare le nostre città, ad umanizzarle, renderle perfette, armoniose e profondamente amate. E’ un augurio questo, che Fabriano accogliendo queste opere, sulla scia della visione degli artisti evolva in un progetto di creatività e spirito solidale verso un crocevia di architetture e strade meravigliosamente “vive”. “L’Utopia della città”, allora, non è casuale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2012 alle 13:45 sul giornale del 30 marzo 2012 - 549 letture

In questo articolo si parla di cultura, mostra itinerante utopia della città, InArte associazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w8f





logoEV